Addio Equitalia, arriva la Napoli Riscossioni

0
840

Addio Equitalia. A Napoli la prima società che si occupa dei tributi locali: nasce la Napoli Riscossioni.

Era stata presentata a gennaio dal Sindaco uscente Luigi De Magistris e dall’assessore al bilancio Salvatore Palma ma sarà attiva solo dal mese di luglio. Stiamo parlando della Napoli Riscossioni, società in house per il recupero dei tributi locali che prenderà il posto di Equitalia. Quest’ultima, al momento, opera in città grazie ad una proroga voluta dallo Stato che terminerà nel 2017.

La Napoli Riscossioni è una costola della Napoli Holding, società a partecipazione totalitaria del Comune di Napoli. Inizialmente lavoreranno 128 unità suddivise in questo modo: 37 alla direzione e alle strutture di supporto, 11 all’amministrazione e alle relazioni esterne, 32 saranno gli operatori del front office e 48 quelli del back office. La struttura, però, conta di arrivare a 293 unità addetti alle notifiche e 29 come personale di supporto al back office; in questo caso, sono previste nuove assunzioni attraverso procedure concorsuali.

“Diverso sarà anche il modo di gestire le relazioni con i contribuenti, anche quelli morosi”, spiega l’assessore al bilancio Palma, e continua: “Si cercherà di far pagare tutti a secondo delle loro possibilità. Rispetto al 6-8 per cento di Equitalia, l’aggio che si pagherà alla Napoli Riscossione sarà del 3,5-4 per cento. Come si vede, è un notevole risparmio per la cittadinanza”.

La nuova società si occuperà anche della riscossione dell’Imu sulla seconda casa, di una parte della Tasi (quella che non comprende la tassa sulla casa), dell’Ici, dei fitti commerciali, delle rette degli asili nido, dei contributi per la refezione scolastica, delle multe automobilistiche, del canone di occupazione di suolo pubblico e, dal 2017, anche delle entrate extratributarie, come la tassa di soggiorno, la tassa sulle affissioni e quella sulla pubblicità.

Apriranno, inoltre, sportelli operativi in tutte le municipalità e verrà istituito un indirizzo di posta elettronica certificata sul quale ricevere informazioni e avvisi delle scadenze per le tasse da pagare. Novità utili che aiuteranno i cittadini e li faciliteranno nei pagamenti. Per de Magistris e Palma si tratta di una vera e propria rivoluzione che renderebbe Napoli la prima città italiana liberata da Equitalia.

Flora Visone

CONDIVIDI
Articolo precedentePizzarotti sospeso da m5s: l’annuncio sul blog
Articolo successivoPropaganda war: l’aiuto della Gran Bretagna ai ribelli siriani
Flora scrive da sempre perché le riesce meglio che parlare. Studia Lettere moderne e lavora in una ludoteca. Poesia e bambini, due cose che, messe insieme, un po' la vita la migliorano. Non sa cosa vuol fare da grande ma sa quello che non vuole fare: arrendersi ad una realtà che non ti fa regali, dove il futuro tocca andarselo a prendere da soli.

NESSUN COMMENTO