Napoli, la notte dei musei 2016

0
193
Napoli

Napoli continua ad offrire tanti modi di vivere la città a costo zero. La città partenopea , infatti, partecipa all’iniziativa ‘La notte dei Musei in Europa 2016’ che si terrà in tutta Italia e in tutta Europa sabato 21 maggio. Un’iniziativa che prevede grande affluenza e volta a richiamare giovani ed adulti al fine di valorizzare la cultura di ciascun Paese europeo. L’eccezionalità dell’evento non è semplicemente data dall’apertura serale dei musei, ma soprattutto dall’allettante costo del biglietto ad 1 euro, che ha un evidente valore simbolico. Il prezzo del biglietto, così ridotto, ha lo scopo di avvicinare qualsiasi tipologia di persona, di qualsiasi fascia sociale, all’arte e alla cultura. L’apertura serale, inoltre, renderà l’evento decisamente unico e suggestivo.  Molti i musei che aderiranno all’iniziativa; alcuni di essi  organizzeranno inoltre degli eventi particolari per regalare ai visitatori una serata diversa fatta di cultura e di divertimento.

I musei che parteciperanno all’iniziativa sono:

Certosa di San Martino
Il gigante e i re
Nella Certosa di San Martino, situata nella zona vomerese di Napoli, visita guidata illustrata della nuova acquisizione di un acquerello di Giacinto Gigante, Veduta della Costiera Amalfitana, donato dal collezionista londinese Philip Athill. Alle 21.30 una performance teatrale sul tema della mostra.

Info: visita alle 20.00, spettacolo alle 21.30,  largo San Martino, 5; prezzo 1€; tel. 081.2294502

Museo MADRE
Apertura straordinaria del Museo Madre fino alle 23.00 per visitare le collezioni permanenti.

Info: dalle 19.30 alle ore 23.00 (chiusura biglietteria 22.30), Via Luigi Settembrini, 79; prezzo 1€; tel. 081 19313016

Complesso dei Girolamini
Gli Oratori: L’Assunta
Nel Complesso dei Girolamini visita guidata all’Oratorio dell’Assunta, conosciuto anche come Cappellone dell’Assunta o Cappella degli Artisti, uno dei 5 del complesso.

Info:  alle ore 21.00, in via Duomo 142; prezzo 1€; tel. 081 2294571

Città della Scienza
Notte di Scienza
A Città della Scienza una serata alla scoperta delle bellezze della scienza, tra buio e luce. Attività dedicate agli animali notturni: pipistrelli, pesci abissali, insetti notturni ed anche osservazioni del cielo.

Info: alle ore 20.00-23.00 (ultimo ingresso ore 22.30), Via Coroglio 57/104; prezzo 1€; tel. 081 7352424

Palazzo Reale
Musica a Palazzo Reale
Nel Palazzo Reale una visita nelle stanze della regina con una esibizione musicale dell’Accademia Mandolinistica Napoletana

Info: alle ore 21.00, in Piazza del Plebiscito 1; prezzo 1€; tel. 081 5808325. Prenotazione obbligatoria

Museo della ceramica Duca di Martina
Le meraviglie musicali del Settecento napoletano
Concerto dell’Orchestra da Camera “La Real Cappella di Napoli” nella Gran Galleria del Museo che si trova nella Villa Floridiana.

Info: alle ore 19.00,in via Cimarosa 77; prezzo 1€; tel. 081 5781776

Museo Pignatelli
La festa di Bacco. Napoli 1722 musiche di Leonardo Vinci
Nel Museo Pignatelli si potrà assistere alla riproposizione  della commedia “La festa de Bacco” di Leonardo Vinci, messo in scena per la prima volta nel 1722.

Info: alle ore 20.30, in Riviera di Chiaia, 200; prezzo 1€; tel. 081 669575

Agnese Cavallo

CONDIVIDI
Articolo precedenteEdvard Munch: l’incubo della modernità
Articolo successivoBayer: maxi offerta per l’acquisto di Monsanto
Agnese Cavallo, nasce a Napoli il 14 novembre 1985. Da sempre appassionata di classicità, da quando il padre le raccontava i miti greci e l’Odissea in lingua napoletana, decide che la letteratura e le materie umanistiche saranno il suo futuro. Si iscrive, così, al Liceo classico Quinto Orazio Flacco di Portici (Na) e continua l’esperienza umanistica alla Facoltà di Lettere Moderne della Federico II di Napoli. Consegue la Laurea triennale nel 2013 con 103/110, presentando una tesi sull’opera di Francesco Mastriani “i Vermi. Studi storici sulle classi pericolose in Napoli”, importante giornalista e scrittore di feullitton napoletano di fine ‘800. Il giornalismo, infatti, è da sempre una passione e, quasi, una vera missione. Convinta che i giornalisti siano spesso persone lontane dalla realtà, pronti, più che alla denuncia alla gogna mediatica, nei suoi articoli preferisce una sana soggettività volta all’etica e al sociale anziché un’oggettività moralistica e perbenista. Nel febbraio 2012 inizia la sua esperienza con il giornale “Libero Pensiero” prediligendo il sociale, la cronaca, la cultura e anche la politica. Il suo argomento preferito? Napoli, tra contraddizioni e bellezza.

NESSUN COMMENTO