”Diritti alla meta, diritti alla felicità”. E’ lo slogan scelto quest’anno per il Mediterranean Gay Pride di Napoli.
In migliaia si sono radunati e sono partiti in marcia da Piazzale Tecchio per raggiungere Bagnoli, più precisamente l’ex Base Nato.
Madrina del Pride, l’attrice Cristina Donadio, attuale protagonista sugli schermi televisivi della serie Gomorra 2. In prima linea, come sempre, il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris e l’Assessore ai giovani, Alessandra Clemente.

«Oggi non è una mia passerella elettorale». Così risponde il sindaco De Magistris a chi l’accusava di fare campagna elettorale al Pride. «Poteva essere vista come una passerella – prosegue De Magistris – se io per cinque anni non ci fossi stato e mi fossi fatto vedere solamente oggi. Invece noi siamo stati in prima linea dal primo momento quando eravamo i primi e gli altri non ci seguivano. De Magistris con un pugno sinistro alzato aggiunge: «Oggi ci stanno seguendo in tanti, addirittura il Parlamento ha dovuto prendere atto. Noi siamo amministrazione che non fa dei diritti una passerella anzi fa dei diritti una lotta di liberazione. Noi lotteremo – ha aggiunto- sempre per i diritti, una lotta che non si misura con la cifra del consenso. Noi facciamo battaglia per diritti anche se questo ci dovesse far perdere qualche voto. Noi siamo per abbattere il filo spinato».

Il corteo ha poi proseguito il suo percorso a ritmo di musica lungo le vie di Bagnoli. Diversi cori contro Giorgia Meloni, candidata sindaco di Roma e leader di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale.

Il corteo, prima di entrare nell’ex Base Nato ha voluto ricordare anche la ragazza trans uccisa a Bagnoli poche settimane fa.

Chiare le parole pronunciate dal palco di Bagnoli da Loredana Rossi, fondatrice e presidente dell’Associazione Trans: «Vi raccomando, non date il vostro voto a Valente, mai a Lettieri. Votate De Magistris»

Pasquale De Laurentis
p.delaurentis@liberopensiero.eu

CONDIVIDI
Articolo precedenteIntervista con Rosaria Galiero, candidata al Comune di Napoli con Napoli in Comune
Articolo successivoFrancesco Apperti, candidato a Caserta

Nasce a Napoli.
Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli.
E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009.
È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”.
Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli.
Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell’Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell’Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l’Università degli studi di Napoli l’Orientale.
Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli.
Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo.
Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna.
Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l’incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia.
Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato.
Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ”GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE” organizzato dalla Testata Giornalistica ”Libero Pensiero News”, insieme all’Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli studi di Napoli Federico II