Napoli Capitale, Lettieri prende le distanze

0
608
Napoli Capitale
Napoli Capitale

Dopo lo scandalo che ha visto protagonista la Valente e la lista Ala con la candidatura di due parenti del boss Vincenzo Calone, a creare polemiche, questa volta è “Napoli Capitale” di Lettieri .

Mario Guida, fratello del boss dei Casalesi, si è candidato alla municipalità per il Rione Sanità con la lista Napoli Capitale. La famiglia Guida è considerata come una delle più potenti della Campania.

Luigi Giuda, fratello del candidato Mario, è partito dal basso per crearsi il potente impero a Casal di Principe ed è stato, in particolar,e un personaggio nevralgico durante le trattativa per il traffico dei rifiuti tossici.

Mario Guida non è nuovo alla politica. Nel 2006, dopo pochi mesi dell’arresto del fratello, si candidò alle elezioni comunali di Napoli nelle file di Alleanza Nazionale, riuscendo ad ottenere 574 voti, posizionandosi secondo. A distanza di anni Mario ci riprova ancora con Napoli Capitale.

Il candidato sindaco Lettieri sembrerebbe prendere le distanze da tutta questa storia e il suo staff ha infatti chiarito alcuni aspetti. << La lista Napoli Capitale, presente nella terza municipalità di Napoli, appartiene ad una coalizione diversa e alternativa a quella di Lettieri Sindaco che, viceversa, nella medesima Municipalità, attraverso le liste Lettieri Sindaco, Fare Città e Giovani in Corsa, sostiene Claudio Capuozzo quale Presidente della Municipalità. Già in altre circostanze è stata diffidata la lista Napoli Capitale ad utilizzare il logo Lettieri Sindaco, trattandosi di un utilizzo arbitrario ed illegittimo del logo medesimo e non essendoci alcun collegamento tra la lista medesima e la coalizione Lettieri Sindaco >>. 

 

Maria Baldares 

CONDIVIDI
Articolo precedenteEcoballe, prima rimozione a Taverna del Re
Articolo successivoCava de’ tirreni: centro benessere diventa teatro di pedofilia
Frequento il secondo anno in Scienze della Comunicazione e sogno di diventare una giornalista a tutti gli effetti. Sono sempre stata decisa a voler intraprendere questo tipo di carriera e ciò che ha contribuito a far coltivare questa passione è stato il quartiere in cui sono nata e crescita. Vivo a Secondigliano, inutile dirvi le difficoltà e i problemi che purtroppo esistono e persistono ma allo stesso tempo ci sono tante persone che fanno di tutto per cambiare le cose, io sono una tra queste. Spesso si guarda solo il negativo delle cose tralasciando l'altra parte della medaglia, quella positiva.

NESSUN COMMENTO