Acerra. Ripristinato l’ufficio del Giudice di Pace.

0
725
Acerra
Acerra

Acerra. Risale all’appena passato 27 maggio il Decreto che prevede il ripristino degli uffici del Giudice di Pace soppressi con il Decreto del Ministero della Giustizia del marzo 2014, convertito in legge nel febbraio 2015.

Grande soddisfazione, dunque, per il Sindaco Raffaele Lettieri, che si è espresso in merito al Decreto: “Un’altra buona notizia per la nostra città: questa Amministrazione ha ripristinato l’Ufficio del Giudice di Pace di Acerra, nonostante ci fossero persone che votavano contro o sostenevano che la procedura non fosse corretta. Un altro presidio di legalità sul territorio”.

L’orgoglio di Lettieri per i risultati ottenuti è evidente: «La riapertura dell’Ufficio del Giudice di pace rappresenta una vittoria per l’intera comunità e la migliore risposta a chi ha utilizzato parole sprezzanti contro questa Città. Siamo stati sempre attenti e sensibili su questo tema, visto che veniva meno un importante presidio di legalità sul nostro territorio. Il risultato ottenuto è un segnale dell’efficienza e della forza dell’azione amministrativa portata avanti in tutti questi mesi nonostante ci fosse chi esprimeva voti contrari e pareri negativi. Il mantenimento del Giudice di Pace è un passaggio fondamentale per tenere in vita un presidio di giustizia e legalità. E’ un’ottima notizia e dimostra quanto sono efficaci la presenza e il lavoro che abbiamo svolto in tutto questo tempo»

Proprio l’Amministrazione Comunale guidata da Lettieri, con delibera di Giunta approvata dal Consiglio, aveva già deliberato da un anno per il ripristino dell’Ufficio, disponendo che gli oneri economici per il funzionamento e l’erogazione del servizio giustizia e la pianta organica venissero sostenuti dallo stesso Comune di Acerra. Il Comune, dunque, si è fatto totalmente carico delle spese previste dalla procedura, incluso il fabbisogno di personale amministrativo.

Saranno a carico dell’Amministrazione della Giustizia, invece, i compensi dovuti ai Magistrati onorari e le spese per la formazione iniziale del personale amministrativo fornito dal Comune. Il personale amministrativo necessario verrà ricoperto con personale comunale appartenente a profili professionali equivalenti.

Marta Buono

CONDIVIDI
Articolo precedenteCapua, il candidato Frattasi : “Proposte serie e non parole al vento”
Articolo successivoMatrimoni e altre follie su Canale 5
Classe '90, cresce a Spello, in Umbria, e si diploma nel 2009 presso il Liceo delle Scienze Sociali di Foligno. A 19 anni si sposta a Roma, dove studia fotografia per due anni e si laurea successivamente in Lettere Moderne presso La Sapienza. Da ottobre 2015 si trova Napoli per continuare gli studi alla Federico II, dove intende seguire il corso magistrale in Organizzazione e Gestione del Patrimonio Culturale e Ambientale. Crede che nella vita ci sia una sola regola: fare il meno male possibile. Quella con Libero Pensiero News è la sua prima entusiasmante prova giornalistica.

NESSUN COMMENTO