Ex Opg: “A salute è a primma cosa”

0
537

Lunedì 13 giugno dalle ore 15.30 alle ore 19.30 l’ex ospedale psichiatrico giudiziario occupato dall’Ex Opg offrirà i mezzi per effettuare ecografie e  visite di controllo.

Un problema che negli ultimi tempi è diventato preoccupante è la mancata prevenzione, sia per la poca informazione, sia perchè visite del genere purtroppo stanno diventando un lusso che solo pochi si possono permettere. L’associazione già da tempo ha creato lo Sportello Medico e lo Sportello di Ascolto nato dalla volontà di medici e psicologi, aperto tutti i lunedì dalle 15.30 alle 19.30.

All’interno dello stabilimento, situato in via Imbriani 218, a Materdei, vi è la possibilità di compiere ecografie mammarie e per la tiroide e in più verrà presentato l’opuscolo “A salute è a primma cosa” e infopoint sulla prevenzione sanitaria. A servizio dei cittadini, ci saranno medici dell’ambulatorio che risponderanno a tutti i dubbi e le curiosità che gli verranno richiesti.

Per poter partecipare bisogna prenotarsi alla pagina Facebook Ex OPG Occupato – Je so pazzo, i ragazzi saranno a disposizione per qualsiasi indicazione. Ogni visita e consulenza sarà del tutto gratuita. L’Ex Opg come suo solito fare, è attento ai problemi del popolo. Ognuno può recarsi allo sportello per chiedere informazioni, sempre gratuitamente, offerti con la massima competenza e serietà.

Insieme a tanti cittadini, l’Ex Opg lotta per rendere la sanità pubblica. Sempre più ammalati peggiorano le loro condizioni perchè non hanno a disposizione i mezzi necessari, allo stesso tempo tante persone danno per scontato la prevenzione per i costi che aumentano a dismisura. La salute deve diventare un diritto di tutti e non solo di chi se lo può permettere. È importante continuare a dare stimoli e creare occasioni di questo tipo, aumentando campagne di prevenzione e cercando di ridurre i costi dei servizi sanitari. Partire dal basso per migliorare le condizioni di benessere generale.

Maria Baldares 

CONDIVIDI
Articolo precedenteBrogli elettorali: indagate Ulleto e Giugliano del PD
Articolo successivoPolo Nord, potrebbe svanire entro l’anno
Frequento il secondo anno in Scienze della Comunicazione e sogno di diventare una giornalista a tutti gli effetti. Sono sempre stata decisa a voler intraprendere questo tipo di carriera e ciò che ha contribuito a far coltivare questa passione è stato il quartiere in cui sono nata e crescita. Vivo a Secondigliano, inutile dirvi le difficoltà e i problemi che purtroppo esistono e persistono ma allo stesso tempo ci sono tante persone che fanno di tutto per cambiare le cose, io sono una tra queste. Spesso si guarda solo il negativo delle cose tralasciando l'altra parte della medaglia, quella positiva.

NESSUN COMMENTO