Rec, l’inchiesta di RaiTre

0
444
Rec

Con Rec Rai Tre è sempre più la rete del giornalismo d’inchiesta.

Domenica scorsa, intorno alle 21.50 è andata in onda la prima delle due puntate, per ora previste, con risultati che premino lo sforzo. Il programma è curato da Sigfrido Ranucci in linea con la tradizione della rete. Rec è realizzato con il contributo dei giovani giornalisti di Report, Presa Diretta e della Scuola di Giornalismo Radiotelevisivo di Perugia. Loro si cimentano in inchieste su temi originali e narrate con linguaggio cinematografico.

La sfida di Rec è anche quella di sperimentare nuove strategie di comunicazione dei fatti. Come? Utilizzando al massimo le potenzialità del web.

Tra gli argomenti delle due puntate, la sicurezza privata: tra appalti pubblici e commesse private, vale due miliardi l’anno, divisi tra 900 istituti di vigilanza. Chi vigila nelle città ha anche il controllo dei nostri dati, nomi, indirizzi, accessi negli ospedali, nei tribunali, negli aeroporti. Può monitorare i nostri movimenti dalle telecamere di sicurezza. Oppure trasporta i nostri soldi.

Il Gruppo Basile, composto da oltre 10 società, detiene la quota di mercato più grande. I suoi uomini controllano gli aeroporti di Palermo, di Brindisi, di Trapani e di Genova; i porti di Messina e Palermo. Questa società ha l’esclusiva quasi totale del trasporto valori per Unicredit e per le principali banche italiane, ha appalti nei comuni di Palermo, Agrigento, Gela e Caltanissetta. Lavora in alcuni uffici di Confindustria Roma, Poste Italiane, Enac, Inps fino ad arrivare ad Expo. Ma quali sono le qualità che hanno consentito a questo gruppo di diventare leader nel nostro Paese?

Inoltre, ogni giorno i cittadini per evitare le multe pagano il ticket per il parcheggio inserendo le monetine nel parcometro. A fine anno nelle casse dei comuni si contano decine di milioni di euro. Sparsi nelle città, di parcometri ce ne sono migliaia, ormai diventati pezzi di arredo urbano a cui nessuno fa più caso. Rec metterà poi in luce un impero economico creato quasi dal nulla in dieci anni: 350 milioni di fatturato, più di 1000 dipendenti, 8 stabilimenti.

Le telecamere di Rec si sono rivolte inoltre alla scuola pubblica. Autismo, sindrome di down, deficit visivi e uditivi: sono alcune delle patologie che affliggono migliaia di bambini a cui la scuola pubblica deve garantire un’educazione specifica. Un’educazione che miri all’integrazione e tanto altro.

La seconda puntata andrà in onda domenica 19 alle 21.10, prendendo il posto di Fabio Fazio e Luciana Littizzetto in pausa estiva con il loro Che tempo che fa.

Per rivedere la prima puntata, clicca qui.

Enrica Leone

CONDIVIDI
Articolo precedenteSanità, tra camorra e disservizi
Articolo successivoLibera presenta i Campi per l’estate
Mi chiamo Enrica Leone, sono nata a Lecco. Diplomata con maturità scientifica, ho intrapreso la carriera universitaria presso la facoltà di Giurisprudenza. Entusiasmo, iniziativa e dinamismo mi hanno da sempre spinto ad andare avanti nel lavoro così come nello studio. Adoro scrivere e questa passione mi ha portata ad intraprendere avventure di ogni genere per poter portare a casa interviste ed acquisire il giusto grado di esperienza, per rendere i miei articoli ancora più miei. Una passione che mi ha portata a pubblicare pochi mesi fa il mio primo romanzo: Basta avere coraggio, presso la casa editrice Arduino Sacco Editore. Non smetto mai di rincorrere i miei sogni ed il più delle volte questi diventano i miei obiettivi che cerco in tutti i modo di raggiungere. Alla scrittura, da poco tempo ho affiancato il lavoro di organizzatrice di eventi di beneficenza ed assistenza alla comunicazione. Mi piace il contatto con il pubblico. A detta di chi collabora con me, sono una persona estremamente precisa, metodica e puntuale. Attenta affinchè il compito affidatomi possa venir portato a termine nel miglior modo possibile e nel tempo necessario. Amo il cinema, la televisione (quella di qualità) e tutto ciò che ha a che fare con lo spettacolo ed è questo ciò di cui mi occupo.

NESSUN COMMENTO