Beni confiscati, il Comune di Napoli ne assegna 14

0
600
Il Comune di Napoli assegna 14 beni confiscati in comodato d'uso gratuito
Il Comune di Napoli assegna 14 beni confiscati in comodato d'uso gratuito

Il Comune di Napoli ha istituito un avviso pubblico per l’assegnazione in comodato d’uso gratuito di beni confiscati alla camorra.

Il Comune invita le associazioni o gli enti a presentare delle proposte progettuali per poter affidare l’immobile confiscato. La scadenza di presentazione è prevista entro il 18 luglio. Per poter visionare gli immobili si richiede la prenotazione all’indirizzo e-mail cooperazione.decentrata@comune.napoli.it indicando l’associazione o l’ente e il recapito telefonico. Il servizio sul sito istituzionale provvederà a fissare un calendario con gli orari per poter effettuare delle visite. I beni confiscati in oggetto sono in tutto 14 e sono situati a:

1. Via Petrarca n. 50, garage/locale di sgombero di mq. 139 – terreno di mq. 10.280 – ufficio di complessivi mq. 191 – ricadente nel territorio della I Municipalità;

2. Vico Caricatoio a Cariati n. 6/7 – ricadente nel territorio della II Municipalità;

3. Vico Zuroli n. 6, di circa 90 mq. – ricadente nel territorio della II Municipalità;

4. Via Formale n. 42, di circa 180 mq. disposti su due piani – ricadente nel territorio della II Municipalità;

5. Via Montesilvano ai vergini n.5 due immobili terranei entrambi soppalcati ubicati ai civici 4 e 5, entrambi di mq. 45 circa – ricadente nel territorio della III Municipalità;

6. Via Cagnazzi n. 73, 2° piano, due piccoli appartamenti di 30 mq ciascuno costituenti un’unica unità immobiliare- ricadente nel territorio della III Municipalità;

7. Calata Capodichino, n. 195, costituito da un vano interrato di 91 mq circa ed un vano terraneo di mq. 15 – ricadente nel territorio della III Municipalità;

8. Via Oronzio Costa n. 5 – Locale terraneo di circa 35 mq.,oltre due locali interrati di circa 64 mq- ricadente nel territorio della IV Municipalità;

9. Via Venezia, n.23, I piano, di circa 80 mq. ricadente nel territorio della IV Municipalità;

10. Corso Secondigliano, n. 11, di circa 100 mq. – ricadente nel territorio della VII Municipalità;

11. Via Comunale Margherita n. 255, 3° piano (appartamento), di circa 90 mq. – ricadente nel territorio della VIII Municipalità;

12. Via Picasso, n. 22, 7° piano, di 75 mq. circa -ricadente nel territorio della IX Municipalità;

13. Via Ben Hur, nn.62/64, piano terra, di circa 150 mq. – ricadente nel territorio della IX Municipalità;

14. Via Divisione Siena, n.16, 3° piano, di circa 85 mq. – ricadente nel territorio della X Municipalità.

Maria Baldares

CONDIVIDI
Articolo precedenteThe Neon Demon, Refn e l’estetica violenta
Articolo successivoControllo Popolare, intervista all’Ex Opg
Frequento il secondo anno in Scienze della Comunicazione e sogno di diventare una giornalista a tutti gli effetti. Sono sempre stata decisa a voler intraprendere questo tipo di carriera e ciò che ha contribuito a far coltivare questa passione è stato il quartiere in cui sono nata e crescita. Vivo a Secondigliano, inutile dirvi le difficoltà e i problemi che purtroppo esistono e persistono ma allo stesso tempo ci sono tante persone che fanno di tutto per cambiare le cose, io sono una tra queste. Spesso si guarda solo il negativo delle cose tralasciando l'altra parte della medaglia, quella positiva.

NESSUN COMMENTO