Europei 2016, emozioni in circolo

Spagna, Italia e Francia sono le prime tre nazionali ad accedere agli ottavi di finale della competizione continentale. Tra queste tre squadre ci sarà la vincitrice della manifestazione?

0
411

Gli Europei stanno assumendo dei contorni davvero interessanti: intensità, grinta, ottime prestazioni individuali e di squadra da parte dei protagonisti in campo, belle partite che stanno davvero appassionando milioni di tifosi in tutta Europa e non solo. Ma, agli occhi degli addetti ai lavori, sembrano essere tre le nazionali favorite (almeno alla luce di ciò che si è visto in queste prime due giornate di incontri). Una su tutte è sicuramente la Francia, che può far valere sicuramente il fattore campo, giocando in casa, ma soprattutto far leva sull’appoggio di una nazione intera nella quale c’è voglia di riscatto dopo gli ultimi mesi tormentati che hanno visto solo le notizie di cronaca balzare agli occhi del mondo intero. A spingere la nazionale transalpina verso i favori dei pronostici c’è però anche una squadra di giovani fenomeni, nella quale spiccano su tutti talenti come Pogba, Payet, Griezmann, Giroud, già affermati nelle rispettive squadre, e pronti ormai a raggiungere la definitiva consacrazione nel calcio che conta. Vincere un europeo giocato a domicilio potrebbe far di questi giocatori dei veri e propri eroi nazionali. Altra squadra che sembra uscita dal torpore degli ultimi anni (a maggior ragione dopo la debacle degli ultimi Mondiali in Brasile) e che quindi poco a poco è tornata prepotentemente in lizza, almeno stando alle quote dei bookmaker per la vittoria finale, è senza ombra di dubbio la Spagna di Vicente del Bosque, aiutata sicuramente dall’essere Campione in carica da ben due edizioni, ma anche dall’esplosione di baby fenomeni come Morata e Nolito, e dal recupero di una pedina fondamentale nello scacchiere iberico: Iniesta, tornato a guidare la propria nazionale in maniera efficace come qualche anno fa. Vincere il terzo Europeo di fila sarebbe per le furie rosse un’impresa epica, che rimarrebbe scritta negli annali del calcio per molto tempo.

Ma se Francia e Spagna potevano già essere considerate favorite nelle quote per la vittoria dell’Europeo, lo stesso non si può dire dell’Italia, totalmente snobbata sia dalla stampa di tutta Europa ma anche dai principali canali di scommesse, ora considerata più che mai una delle più accreditate alla vittoria finale, dopo aver disintegrato il Belgio più forte di sempre e battuto al fotofinish la Svezia del campionissimo Ibrahimovic. A dire il vero non balzano grandi nomi nella rosa a disposizione di Antonio Conte, ma l’arma in più degli azzurri pare essere il collettivo, con una difesa d’acciaio ed un portiere sinonimo di garanzia: Gianluigi Buffon. La forza del gruppo potrà essere la carta decisiva da giocare in questi campionati europei per la formazione italiana, che ha il dovere di provare a vincere una manifestazione che solo una volta li ha visti trionfare, nel lontano 1968.

Da non snobbare per la vittoria finale innanzitutto la Germania, campione del mondo in carica, che non ha sciorinato le sue prove migliori in questo primo scorcio di europeo, ma che sicuramente tornerà ad essere una delle formazioni più temibili, e la Croazia, anch’essa imbottita di campioni e che sfodera forse uno dei migliori sistemi di gioco in Europa. Indipendentemente da come andrà a finire e da chi trionferà, c’è la consapevolezza che questi saranno degli Europei ad alto tasso di spettacolo, sperando che le emozioni in campo e che lo sport, a maggior ragione, possano soffocare tutte le tensioni  dovute agli scontri tra tifosi e al rischio attentati.  Che vinca il migliore!

Luca Orefice

NESSUN COMMENTO