Napoli. L’Unione degli studenti, lo spazio 48 ohm la Rete della Conoscenza, Link Napoli e ACT Campania hanno organizzato una foto-petizione sulla strage avvenuta lo scorso 12 giugno, in una discoteca gay di Orlando che ha portato la morte di 50 persone.

La giornata, organizzate dalle associazioni e dai movimenti sopracitati, è stata promossa in vista della settimana dei diritti Igbtqia e genere. I cartelli incitavano alla solidarietà per Orlando, alla no violenza e alla no omofobia, terminando con l’hashtag #chihapauradiunbacio.

Molti hanno aderito a quest’ iniziativa, dai più giovani ai meno giovani, uniti per dare solidarietà alle vittime ma anche per affrontare tematiche che purtroppo negli ultimi tempi sono sempre più frequenti e si riscontrano in vari ambiti, come appunto la violenza di genere e l’omofobia.

L’iniziativa si è ripresentata oggi ad Avellino, promossa dalle stesse associazioni, organizzando un flash mob. A dare un messaggio ancor più chiaro, si sono invertiti i ruoli, le ragazze si sono vestite da ragazzi e i ragazzi viceversa.

La città di Napoli si mostrata vicina e sensibile dinanzi alla vicenda che ha colpito Orlando. La simbolica Piazza del Plebiscito giorni fa si è tinta con i colori dell’arcobaleno. Iniziativa promossa dall’Assessorato alla cultura e al turismo, e la fiaccolata che è partita dal consolato USA organizzata dall’Arcigay.

A fare da cornice, il prossimo Gay Pride a Caserta previsto per il 25 Giugno.

Maria Baldares 

CONDIVIDI
Classe 1996, nata a Napoli. Laureanda in Scienze della Comunicazione. Ha scritto per diverse testate online e cartacee. Attenta in particolare alle tematiche sociali, si occupa per Libero Pensiero News della sezione Territori.