Jane the Virgin, un uragano su RaiDue

0
258
Jane the Virgin

Si chiama Jane the Virgin il nuovo prodotto targato Rai, che andrà in onda da giovedì 23 giugno in prima serata sul secondo canale.

Come definire Jane the Virgin? Commedia, musical, telenovela, thriller, il tutto “cucito” con il filo dell’ironia e del sorriso per raccontare la storia di una ragazza vergine che rimane incinta per un errore medico. Una vicenda in cui si specchiano molti temi di stretta attualità: dalla famiglia allargata alla stepchild adoption, dalla fecondazione assistita alla religione.

Jane the Virgin approda in Italia dopo il grande successo e i riconoscimenti ricevuti negli Stati Uniti. In particolare, “Jane the Virgin” ha ricevuto, nel 2015, tre nomination al Critic’s Choice Television Award e ha vinto il Peabody Award, un American Film Institute Award e due Imogen Award, mentre Gina Rodriguez si è aggiudicata il Golden Globe come miglior attrice protagonista.

È la storia della ventitreenne Jane Gloriana Villanueva, che sogna di insegnare e diventare una scrittrice e che, per pagarsi gli studi, lavora come cameriera in un hotel di Miami, la città in cui vive.  Ha una storia d’amore con Michael, un ambizioso detective che la ama incondizionatamente, disposto persino ad accettare la sua decisione di non avere rapporti pre-matrimoniali. Non è una scelta semplice, quella di Jane, divisa tra l’amore per la madre Xiomara, rimasta incinta di Jane appena sedicenne, e quello per nonna Alba, una donna puritana e bigotta, che la mette in guardia, sin dall’adolescenza, sui rischi del sesso pre-matrimoniale, per non ripetere gli stessi errori della madre. Così Jane cresce seguendo i moniti religiosi della nonna con cui vive, e decide di assecondare il suo pensiero, arrivando vergine all’età di 23 anni. Durante un normale controllo ginecologico, la dottoressa attua erroneamente su Jane un’inseminazione artificiale, utilizzando la provetta di un donatore. Il campione appartiene a Rafael, un playboy sopravvissuto ad un tumore, nonché nuovo proprietario dell’hotel dove lavora Jane, ed anche una sua ex cotta estiva. Poche settimane dopo, Jane the Virgin scopre di essere rimasta incinta ed è quindi costretta a dover prendere delle decisioni determinanti per il corso futuro della sua vita: continuare la gravidanza? Come giustificare la situazione imbarazzante al suo fidanzato e alla sua stessa famiglia?

Tra lo stupore e le confusioni iniziali, che coinvolgono tutta la famiglia e le persone a lei care, decide, nonostante tutto, di portare a termine la gravidanza, considerando “legittimo” donare il figlio al padre biologico, una volta nato. Un vero e proprio effetto domino la storia di Jane the Virgin, che si arricchisce, inoltre, di un narratore, una voce fuori campo che fa da guida alla scoperta delle profonde emozioni della protagonista e dei personaggi che la circondano. Nell’edizione italiana la voce è interpretata da Massimo Lopez.

Una serie allegra, fresca e divertente per allietare le serate estive.

Jane the Virgin conquisterà il cuore del pubblico italiano? Lo scopriremo presto.

Ecco il promo

Enrica Leone

CONDIVIDI
Articolo precedenteNATO, nuove provocazioni contro la Russia
Articolo successivoOmosessualità, genetica e altre non risposte
Mi chiamo Enrica Leone, sono nata a Lecco. Diplomata con maturità scientifica, ho intrapreso la carriera universitaria presso la facoltà di Giurisprudenza. Entusiasmo, iniziativa e dinamismo mi hanno da sempre spinto ad andare avanti nel lavoro così come nello studio. Adoro scrivere e questa passione mi ha portata ad intraprendere avventure di ogni genere per poter portare a casa interviste ed acquisire il giusto grado di esperienza, per rendere i miei articoli ancora più miei. Una passione che mi ha portata a pubblicare pochi mesi fa il mio primo romanzo: Basta avere coraggio, presso la casa editrice Arduino Sacco Editore. Non smetto mai di rincorrere i miei sogni ed il più delle volte questi diventano i miei obiettivi che cerco in tutti i modo di raggiungere. Alla scrittura, da poco tempo ho affiancato il lavoro di organizzatrice di eventi di beneficenza ed assistenza alla comunicazione. Mi piace il contatto con il pubblico. A detta di chi collabora con me, sono una persona estremamente precisa, metodica e puntuale. Attenta affinchè il compito affidatomi possa venir portato a termine nel miglior modo possibile e nel tempo necessario. Amo il cinema, la televisione (quella di qualità) e tutto ciò che ha a che fare con lo spettacolo ed è questo ciò di cui mi occupo.

NESSUN COMMENTO