Pino Daniele e Capodichino: un viaggio tra musica e poesia

I versi di Pino e di altre grandi ed intramontabili personalità colorano le panchine d'artista a Capodichino.

0
908
"Panchine d'artista" a Capodichino

Capodichino si colora di musica e magia: tra un aereo e l’altro, tra il rombo dei motori e le ruote delle valigie, atterra la dolcezza della poesia. Tra le panchine destinate ad accogliere i viaggiatori alle fermate dell’Alibus, è possibile trovarne qualcuna che ha una storia tutta da raccontare. Sono le cosiddette “panchine d’artista”, sui cui schienali sono stati incisi i versi di personaggi che hanno fatto grande Napoli, ma non solo. Aforismi, frammenti di canzoni e di poesie intagliati sugli schienali che assumono così le parvenze di un biglietto, una cartolina, una fotografia.

Tra i grandi che trovano posto a Capodichino, non poteva mancare chi di Napoli ha scritto la storia in musica, chi ne ha dipinto dolcemente le amarezze, chi l’ha amata senza tradirla per tutta la vita: Pino Daniele.

Spezzoni di alcuni dei suoi più famosi ritornelli accompagneranno il passaggio dei viaggiatori del nostro aeroporto: “Ma po’ ce stai tu che quando ridi e m’abbracci nun m’oscordo cchiù”, “Napule è a voce de’ crature che saglie chianu chianu e tu sai ca nun si sùle”,  “Siamo angeli che cercano un sorriso” “Miette ‘e creature ‘o sole pecchè hanna sapè addò fà friddo e addò fà cchiù calore”,“A vita è ‘nu muorzo ca nisciuno te fa dà ‘ncoppa a chello ca tene”. 

Poche parole per ricordare una Napoli che non ha dimenticato Pino e che mai lo farà: per tutti coloro di passaggio a Capodichino, la lettura delle sue parole svela qualche segreto dell’anima della nostra città dai mille e più colori.

Così, andata o ritorno che sia, una sosta in aeroporto può rappresentare l’inizio di un nuovo viaggio. A volte non è necessario salire su un aereo per spostarsi: la poesia è un mezzo di trasporto a costo zero. A volte basterebbe soltanto sedersi su una panchina, leggere una frase e pensare, ricordare, commuoversi, dislocarsi in una dimensione altra. “Il viaggio più bello è quello che ancora devi fare”.. e spesso è proprio quello dentro se stessi. Grazie a Pino Daniele, Morante, Baudelaire, Emerson, le ore d’attesa non sono poi così vuote.. “e tu sai ca nun si sùle”.

Sonia Zeno

CONDIVIDI
Articolo precedentePozzuoli Jazz Festival 2016: un evento decisamente ‘vulcanico’
Articolo successivoLa maledizione di essere Lionel Messi
Sonia Zeno, nata il 19/08/93 a Napoli e residente in Ercolano. Laureanda in Lettere moderne, aspira a diventare una docente di letteratura italiana e scrittrice, amante della poesia e convinta che essa sia capace di donare occhi nuovi con cui guardare il mondo circostante, scoprendo in ciascuno di noi una speciale e singolare sensibilità.

NESSUN COMMENTO