Napoli, Higuaìn non rinnova

0
392
Napoli

Come si poteva immaginare, dopo la Coppa America è iniziato il tormentone sul rinnovo contrattuale di Higuaìn.

Il suo procuratore (fratello) ha rilasciato diverse dichiarazioni in merito alla proposta di rinnovo del contratto che lega Gonzalo Higuaìn al Napoli.

Attuamente la scadenza è fissata al 2018 e, pare, il procuratore annuncia che non verrà rinnovato in quanto la proposta non prevede particolari cambiamenti rispetto alle condizioni attuali. Rinnovarlo poi di un solo anno e terminare il rapporto con Higuaìn che a quella data avrà già compiuto trenta anni, non risulta conveniente al suo assistito. I termini dell’accordo sembrerebbero essere stati formalizzati una decina di giorni fà tra il patron azzurro Aurelio De Laurentiis ed il procuratore argentino.

Intanto, però, tiene a precisare che al momento non è giunta alcuna offerta per l’asso argentino da nessuna delle big internazionali e che il calciatore ha intenzione di dedicarsi con il massimo impegno al raggiungimento degli obiettivi che saranno fissati dalla società partenopea, garantendo la partecipazione al ritiro di Dimaro con le migliori condizioni fisiche possibili. Apriamo una piccola partentesi relativa agli impegni dell’asso argentino, ricordando che il Pipita è stato impegnato con l’Argentina in Coppa America dove è giunto in finalissima. L’Albiceleste è uscita sconfitta, però, ai calci di rigore. Higuaìn rimpiange la clamorosissima occasione sciupata al ventunesimo del primo tempo dove su errore di Medel si è trovato a tu per tu con il portiere avversario ma non è riuscito ad insaccare, mandando la palla clamorosamente a fondo campo.

Siamo sicuri, comunque, che durante il calciomercato la questione Higuaìn resterà calda fino alla fine. Nell’attuale contratto è prevista una clausola rescissoria plurimilionaria (circa 90 milioni di euro) che risulta un ostacolo non indifferente per le eventuali intenzioni di acquisto del cannoniere argentino da parte in un potenziale acquirente.

Salvatore Annona

CONDIVIDI
Articolo precedenteUnidos Podemos e il governo spagnolo, intervista a Fernando Martínez de Carnero
Articolo successivoCaro Napoli, così non va
Nato a Napoli nel 1975 vi ho vissuto fino ad oggi, senza mai emigrare. Dopo il diploma di geometra, ho conseguito la Laurea in Ingegneria Civile nel 2005 con tesi in Ingegneria Sismica. Ho una splendida famiglia con moglie e due splendidi figli. Attualmente esercito la libera professione e sono membro della Commissione Manutenzione e Recupero degli Edifici Industriali presso L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli. Curioso sin dalla nascita, ho coltivato diverse passioni come la lettura e la grafica digitale. Amo immensamente la musica e lo sport (in particolare il calcio ed il tennis).

NESSUN COMMENTO