Comune di Napoli: rimpasto probabile per la Giunta

0
609
migranti

Lo scorso 28 giugno, il neo rieletto sindaco, Luigi De Magistris comunicava i nomi della nuova Giunta comunale: nessuna sorpresa, tutti confermati.

In effetti, non poteva essere altrimenti, come si suol dire squadra che vince non si cambia. Ed effettivamente l’ottimo lavoro della nuova/vecchia Giunta comunale negli ultimi 2 anni è sotto gli occhi di tutti. Tuttavia sono iniziati i primi mugugni degli esclusi che rimproverano all’ex Pm di ”favorire” la sinistra con Borriello e Fucito scegliendo la linea della continuità.
De Magistris però non ci sente e rispedisce al mittente tutte le critiche, anche se ha già annunciato che entro Ferragosto ritoccherà la squadra di governo. Questo concretamente cosa potrebbe significare? difficile immaginare un addio di Borriello e Fucito, allora potrebbe farsi l’argo l’ipotesi di nuove integrazioni senza toccare nessuna delle attuali poltrone o quasi.

Tema centrale sarà quello delle due liste (DemA e De Magistris sindaco) che durante la campagna elettorale hanno supportato il sindaco, il quale non potrà non tenerne conto. Così come i Verdi, dopo l’ottima affermazione (Stefano Buono e Marco Gaudini eletti in consiglio) potrebbero ”reclamare” spazio nel nuovo corso. Assessorato all’Ambiente? Per ora no, resta nelle mani del vicesindaco, Raffaele Del Giudice, fedelissimo di De Magistris. Ma come si sa, in questo casi, tutto può cambiare velocemente e allora potrebbe essere verosimile l’ipotesi di un Del Giudice che lascia l’assessorato all’Ambiente ”spostandosi” alla presidenza del consiglio comunale. In questo caso, via libera per i Verdi all’Ambiente e forse ad Alessandra Clemente che diventerebbe, in questo caso, il nuovo vicesindaco. Per ora solo ipotesi, ma vedremo …

Altro tema ”caldo” è il rinnovo dei contratti dei 41 dirigenti, in scadenza il 24 luglio. La prospettiva potrebbe essere quella di ”allargare” il gruppo favorendo inserimenti dei giovani. De Magistris, certamente ne ha parlato insieme al suo capo gabinetto, Attilio Auricchio. Anche in questo caso si vedrà.

Pasquale De Laurentis
p.delaurentis@liberopensiero.eu

CONDIVIDI
Articolo precedenteUniversità Parthenope: vince l’Udu! Meno tasse per gli studenti
Articolo successivoRoute 66, entro fine anno sarà fotovoltaica
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO