Università Parthenope: vince l’Udu! Meno tasse per gli studenti

0
4482

Meno tasse per tutti gli iscritti all’Università Parthenope di Napoli. La proposta è stata presentata dall’associazione Unione degli Universitari riuscendo ad essere approvata durante l’ultima seduta del Senato accademico delle scorse settimane.
Per capire effettivamente cosa cambierà per gli studenti abbiamo intervistato Manuel Melandri, Senatore accademico dell’Udu.

Nei giorni scorsi è stata approvata la proposta dell’Udu di revisione del sistema contributivo.
Ci spieghi, nel dettaglio cosa significa?

A differenza dell’appena deliberato sistema di contribuzione che prevederà 17 fasce di reddito ISEE, il vecchio sistema prevedeva un’organizzazione di 9 fasce, la quale non poteva rispecchiare le reali differenze reddituali delle singole famiglie.
Inoltre dal prossimo anno accademico il nuovo sistema consentirà, attraverso una ridistribuzione del gettito, una netta riduzione degli importi delle tasse per gli studenti con reddito ISEE entro i 16.700 euro.

tassazione parthenopeLa recente tornata elettorale alla Parthenope ha segnato una netta affermazione dell’Udu in coalizione con altre forze. Dopo la vittoria sulla tassazione quali saranno le prossime battaglie?

Questa conquista rappresenta un enorme passo avanti per gli studenti della Parthenope. Dal prossimo settembre potremo dire di avere una tassazione più equa, che tutela maggiormente le fasce deboli, e che riflette un giusto criterio di progressività. Ma è solo un passo verso l’idea di tassazione che l’UDU professa da tempo, ad esempio sarebbe necessaria l’istituzione di una no tax area e maggiori incentivi per chi ha più di un figlio iscritto all’università.
Siamo appena agli inizi, le nostre battaglie continueranno per migliorare l’efficienza dei servizi riservati ai nostri iscritti e per cercare di ridurre il gap con le altre platee studentesche. Gli obiettivi immediatamente successivi riguarderanno le sessioni d’esame, la trasparenza dei docenti e il miglioramento di spazi e strutture.

Sindacato universitario, presenza nei dipartimenti e negli organi.
Organizzazione di eventi universitari . Ormai possiamo dire che l’udu Napoli è un vero punto di riferimento per tutti gli studenti.

Oltre al lavoro specifico che svolgono da anni nei singoli dipartimenti e corsi di studio, l’Udu prova a dare a Napoli la concezione di città a portata di studente. Con ciò mi riferisco alle varie collaborazioni con l’assessorato per le politiche giovanili, all’aspetto ludico e alle serate organizzate a piazzetta Nilo e a tutte le iniziative che permettono di lavorare con una visione a 360 gradi della vita universitaria, che non si limita all’esperienza tra i banchi delle aule durante i corsi (che comunque cerchiamo di migliorare per rendere l’università un servizio più ampio, agevole ed equo solidale)

Pasquale De Laurentis
p.delaurentis@liberopensiero.eu

CONDIVIDI
Articolo precedenteTony Sandoval, le ‘Mille Tempeste’ di Lisa
Articolo successivoComune di Napoli: rimpasto probabile per la Giunta
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO