In stato emergenziale l’ Ospedale Umberto I Nocera Inferiore

0
549

Gli ospedali dell’Agro Nocerino Sarnese si apprestano  a ridurre i posti letto a disposizione dei pazienti. Infatti, saranno circa 40 i posti letto che verranno eliminati dall’ Ospedale Umberto I di Nocera Inferiore e altri dieci verranno eliminati fra l’ospedale di Pagani e Scafati.

Maurizio D’Ambrosio, direttore sanitario del presidio unico che accorpa le tre strutture, ossia l’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore, l’ospedale si Pagani e Scafati ha affermato: «La carenza di personale è un problema che già esiste. Facciamo questo per coprire tutti i turni a luglio e agosto, rispettando così i parametri assistenziali e assicurando a tutti la possibilità di andare in ferie».

Ammalarsi in estate nell’Agro Nocerino Sarnese è molto rischioso. Sono molteplici i reparti che subiranno dei tagli. In neurologia ad esempio, si rinuncerà a due posti letto. La chirurgia generale rinuncerà a sei posti, l’ortopedia tra sei e otto posti e la neurochirurgia a sei letti. Le disponibilità per il reparto di malattie infettive di gastrologia-nefrologia non subirà alcuna modifica. 

Nei prossimi giorni si valuterà come agire nel reparto di l’otorinolaringoiatria considerando che lo scorso anno è stato totalmente chiuso. I tagli più ingenti vi saranno per l’area materno infantile, si passerà da trenta posti a diciannove. Non vi saranno posti in ostetricia e l’area ginecologia conserverà solo tre posti per le gravidanze a rischio. Pediatria e terapia intensiva neonatale non dovrebbero subire stravolgimenti. Vi saranno riduzioni anche per l’area di emergenza/urgenza; la cardiologia rinuncerà a tre posti e l’unità di terapia intensiva coronarica a due.

La situazione non è più felice per l’ospedale di Pagani, da metà luglio l’orario del laboratorio analisi sarà modificato, mentre l’oncoematologia ha ridotto qualche degenza e diminuito da cinquanta a quarantacinque i day hospital. A Scafati, non dovrebbe essere ridotto nulla, anche se ai medici è stata chiesta una disponibilità per il pronto soccorso di Nocera.

Nicoletta Crescenzo

NESSUN COMMENTO