Viva, Normale, Positiva: Chiara “Cli” Beltrame

0
461

Lei è Chiara Beltrame, in arte Cli. Cantautrice padovana, dopo le esperienze internazionali e “The Voice of Italy” esce in Italia con un nuovo singolo “Lelefante col tutù” estratto dal prossimo disco di inediti in uscita in autunno

Attraverso i tuoi canali social si può capire che la tua è una personalità abbastanza stravagante, frizzante. Se dovessi descriverti con tre parole, quali useresti e perché?
Cli:«Difficile questa domanda. Direi, viva normale e positiva. Viva perché mi piace sentirmi così e sono assolutamente vita-dipendente, dove per vita intendo tutte le cose che ti mantengono viva; normale perché tante volte fermandosi all’apparenza di questi colori e di questo mio essere frizzante si può avere qualche pregiudizio, ma io mi reputo proprio normale; positiva perché cerco disperatamente, siccome ho la tendenza a buttarmi giù, di rimanere positiva e di attaccarmi a tutte le cose che ti possono dare positività nella vita, come dico anche nella canzone L’Elefante Col Tutù.»

CliA proposito del nuovo singolo, come mai hai “messo il tutù all’elefante”?
Cli:«Era un’immagine immediata. Questa canzone è nata una mattina in macchina: come ogni mattina ti alzi e sei già in ritardo. Entri in macchina e resti bloccata nel traffico con i clacson che suonano, ti guardi nello specchietto retrovisore e ti vedi in disordine mentre stai correndo. Nel frattempo sei in macchina ferma e aspetti alle tue aspettative per la vita, non ti senti all’altezza, diversa, magari delusa. Proprio come un elefante col tutù, come una persona che vorrebbe diventare una ballerina classica mentre invece è un pachiderma. Quindi non soltanto da un punto di vista esteriore ma anche interiore. Molto spesso noi siamo giudici di noi stessi, molto severi, un po’ anche per colpa degli altri. Era un’immagine in cui credo che tutti, almeno una volta nella vita, si siano rivisti o sentiti così. Da questo poi però ho acceso la radio e con una canzone bella la mia mente è andata a dei ricordi positivi e da lì ho trovato la forza di poter veicolare i pensieri verso qualcosa che veramente conta nella vita, di sentirsi “fighi” anche essendo un elefante col tutù”. E’ una parte di noi che non dobbiamo eliminare, ma con cui dobbiamo imparare a convivere.»

Entrando nel vivo del tuo stile musicale e del tuo modo di esprimerti, a distanza di un anno, come risponderesti oggi al commento di Noemi quando, in occasione del tuo primo blind a TheVoice, asserì che la tua voce in italiano non avrebbe reso al meglio?
Cli:«Io rispetto molto le opinioni delle persone, soprattutto quelle delle persone che stimo, come Noemi. Lei era girata e ci può stare che pensasse questo. Durante le puntate mi ha dato molti consigli utili e ad oggi la inviterei ad ascoltare i miei nuovi brani.»

Da cosa trai ispirazione per la composizione dei tuoi brani?
Cli:«Non c’è una prassi, ho notato negli anni che devono essere cose che ho vissuto. Faccio fatica a scrivere su cose non vere. Nascono sempre e comunque dalla vita perché le vedo in prima persona o perché me le faccio raccontare. Quando, qualche volta, non riesco ad esprimermi a parole, come vorrei, nasce una canzone.»

Ho visto che hai un impegno sociale molto marcato. Per esempio hai pubblicato un brano, all’interno di un album per Haiti, e nell’ultimo periodo stai Cliorganizzando anche diverse cose. Quali sono i tuoi progetti futuri?
Cli:«Sicuramente di portare avanti il progetto che ho iniziato in India dal 2008, che si chiama GRACEGroup ed è un progetto che usa la musica per promuovere percorsi per bambini orfani e abbandonati del sud est dell’India, dove siamo stati 5 volte dal 2008 ad oggi. Una delle esperienze più forti della mia vita. Poi, un altro progetto è ADMO, di cui sono testimonial insieme ad Alessandra Amoroso e a tanti sportivi. Sono fiera di questa cosa ed è molto importante per me, per via di alcune esperienze che ho vissuto, per cui stiamo promuovendo anche degli incontri nelle scuole. Quando la mia musica può servire anche a qualcosa di importante non mi tiro indietro. Perché non dovrei? Io odio l’impotenza.»

Le prossime date del tour?
Cli:«Dopo l’uscita del disco in autunno seguiranno alcune date, dopodiché mi piacerebbe viaggiare molto in giro per l’Italia per promuovere la mia musica, almeno fino alla prossima primavera».

Sara C. Santoriello

NESSUN COMMENTO