EuroFantabreak: i consigli per la finale

0
201
EuroFantabreak

Salve a tutti, cari fan. Eccoci arrivati all’epilogo di questo ciclo di Fantabreak dedicato agli Europei 2016, che vedrà sfidarsi i padroni di casa della Francia contro una delle tante scoperte di questa manifestazione, il Portogallo. Essendo i Blues padroni di casa, potrebbero essere consigliati in blocco, ma dato che i lusitani lì davanti fanno paura e sono molto veloci, e la velocità è una pecca dei difensori transalpini, ci convincono ad un divieto riguardo il loro schieramento. Ciò concerne anche i portieri, ma entrambi gli estremi difensori essendo gli  ultimi rimasti dovranno essere schierati, perciò consigliamo il reparto offensivo lusitano di gran lunga più veloce degli opposti padroni di casa, poi oramai lapalissiano è l’obbligo riguardo le petit diable, Jean Antoine Griezmann, che potrebbe incredibilmente per il suo soprannome portare in paradiso i connazionali, ma questa volta ha contro un vero e proprio colosso quale Pepe, che consigliamo. Per il centrocampo opteremmo più per i transalpini nettamente più tecnici, ma saranno costretti a recuperi provvidenziali, e rischiosi maleficamente parlando, occhio soprattutto a Pogba con animo piuttosto caldo e facilmente irascibile da chi può balisticamente sfidarlo. Il funambolico Paul non è l’unico a rischiare. Anche Matuidi, altro centrocampista a rischio, spesso con la sufficienza fissa ma con ali così veloci contro, fisso è anche il malus. Altro consiglio d’obbligo per i transalpini è il cecchino, ovvero Dimitri Payet, che metterà contro la forza difensiva lusitana la propria funambolicità esaltando il prolifico compagno di reparto. Poiché purtroppo sappiamo come è ormai il calcio, sconsigliamo il portiere portoghese, che potrebbe raccogliere la palla in fondo al sacco. Tornando ad i difensori vi facciamo  notare come lo schieramento dei terzini sarà un’arma a doppio taglio, poiché è a rischio bonus quanto a rischio malus. Vi saluto ed auguro il solito “Buon Fantabreak a tutti” ma soprattutto buona finale, e che vincano lo sport ed il calcio!

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteNé ultrà né fascista, chi ha ucciso Emmanuel è anzitutto bastardo
Articolo successivoFesta dei Popoli: aghi, fili e racconti
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.

NESSUN COMMENTO