EuroFantabreak: quando un colosso tranquillizza la squadra

0
248
EuroFantabreak

Cari fan di EuroFantabreak, ormai ad Europeo concluso con il Portogallo vincitore, bisogna capire bene di chi è il merito. In maniera scontata diremmo Cristiano Ronaldo, quale trascinatore dei lusitani già da noi glorificato. Ma sarebbe troppo riduttivo, poiché per CR7 è facile giocare bene ed essere decisivo con altri giocatori ottimi al proprio fianco, che conferiscono conferisce. Ed ecco perché incoroniamo, con sorpresa per molti, il merengue Pepe, che ha guidato da dietro il Portogallo a vincere erigendo un vero e proprio blocco dinnanzi il proprio estremo difensore, e motivando i propri compagni e soprattutto dando loro fiducia. Ed infatti nella finale contro i padroni di casa, ha imposto da subito la propria forza fisica erigendo un muro davanti a Rui Patricio, rendendo vani gli attacchi francesi, e ridimensionando tutti i transalpini offensivi.

ronaldo porta avanti il PortogalloMa non solo difesa nella partita del centrale, c’è anche impostazione di gioco e presenza fisica veemente, non solo nel gioco ma soprattutto quando al Portogallo è servito un leader dopo l’uscita dal campo per infortunio di Cristiano Ronaldo (che già aveva tirato avanti i lusitani, come vediamo nella vignetta già a lui dedicata) che rassicura i compagni, tra cui i centrocampisti che snelliti da ulteriori compiti difensivi hanno retto quello che inizialmente era in partenza un mismatch contro i transalpini. Infatti ha eccelso un altro ottimo giocatore, quale Joao Mario, che vediamo già al centro di grandi affari di calciomercato. Complimenti Pepe, sei campione d’Europa grazie al tuo essere un vero e proprio colosso, così come testimonia l’ormai tipica vignetta di Savio.

pepe colosso

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteOrgullo 2016, l’orgoglioso gay pride di Madrid
Articolo successivoINPS Afragola, cittadini in fila per ore al sole
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.

NESSUN COMMENTO