‘Chiena’ 2016: la festa dell’acqua di Campagna

0
2212

Col caldo asfissiante che travolge l’intera regione, la città salernitana Campagna preferisce lasciarsi letteralmente ‘travolgere’ dall’acqua. È famoso infatti l’evento folkloristico della chiena a Campagna che si ripete ogni anno e che si basa sullo straripamento – voluto – del fiume Tenza che inonda la città, percorrendo un ‘corso’ artificiale.

Negli anni la manifestazione ha richiamato persone da tutta la Campania per la sua particolarità ed originalità. La festa dell’acqua a Campagna’ edizione 2016 si terrà dal 10 luglio fino al 17 agosto, per dare la possibilità a tutti i curiosi di parteciparvi. La cittadinanza si prepara con secchi, pistole ad acqua e tutto ciò che può dare inizio ad una lotta all’ultima goccia!  Spesso si organizzano delle vere proprie squadre che, puntualmente, si sfaldano nel corso dell’evento che si trasforma in una lotta ‘tutti contro tutti’. Il programma di quest’anno è diversificato in modo da dare la possibilità ai partecipanti di svolgere più attività nell’arco di una giornata:

  • La passeggiata. Si compie ogni Sabato pomeriggio e Domenica mattina, si cammina con i piedi nell’acqua ma senza temere di essere bagnati da secchiate improvvise.
  • La secchiata. È decisamente il momento più divertente e maggiormente atteso. Avviene ogni Domenica pomeriggio e bisogna giungere in città muniti di secchio perché quando inizia la chiena bisogna tenersi pronti per attaccare! Ovviamente, sempre nel rispetto delle regole del gioco e della festa.
  • La chiena di mezzanotte. Come già si può intuire, l’evento si svolge di notte, e precisamente tra il 16 e il 17 agosto, a conclusione dell’intera manifestazione.
  • ‘La Chiena di gusto’. Tutte le Domeniche pomeriggio in Piazza Melchiorre Guerriero, alle ore 19.00 dal 10 luglio al 17 agosto (tranne il 31 luglio), ci saranno stand di ristoratori e venditori di prodotti locali per valorizzare e promuovere le eccellenze agroalimentari del territorio.
  • ‘La Chiena show’. È la vera novità dell’edizione 2016; nel centro storico della città si adibirà un palco che ospiterà importanti personalità del cinema, come Michele Placido, e della televisione, come Matteo Viviani de Le iene per premiare artisti del territorio contraddistintisi nel teatro, nella musica, nel giornalismo e nello sport.

PROGRAMMA ‘LA FESTA DELL’ACQUA’ 2016

Sabato 16 luglio

  • 15:00 – 16:00 – Passeggiata

Domenica 17 luglio

  • 11:30 – 12:30 – Passeggiata
  • 15:30 – 16:30 – Secchiata
  • 19:00 ‘Chiena di Gusto’
  • 21:00 ‘Chiena Show’ con MATTEO VIVIANI

Sabato 23 luglio

  • 15:00 – 16:00 – Passeggiata

Domenica 24 luglio

  • 11:30 – 12:30 – Passeggiata
  • 15:30 – 16:30 – Secchiata
  • 19:00 ‘Chiena di Gusto’
  • 21:00 ‘Chiena Show’ con MICHELE PLACIDO

Sabato 30 luglio

  • 15:00 – 16:00 – Passeggiata

Domenica 31 luglio

  • 11:30 – 12:30 – Passeggiata
  • 15:30 – 16:30 – Secchiata

Sabato 06 agosto

  • 15:00 – 16:00 – Passeggiata

Domenica 7 agosto

  • 11:30 – 12:30 – Passeggiata
  • 15:30 – 16:30 – Secchiata
  • 19:00 ‘Chiena di Gusto’
  • 21:00 ‘Chiena Show’ con MAURIZIO COMPAGNONI

Sabato 13 agosto

  • 15:00 – 16:00 – Passeggiata

Domenica 14 agosto

  • 11:30 – 12:30 – Passeggiata
  • 15:30 – 16:30 – Secchiata

Martedì 16 agosto

  • Ore 24 – La Chiena di Mezzanotte

Mercoledì 17 agosto

  • Ore 24 –  La Chiena di Mezzanotte

La durata di ogni evento è di 60 minuti.

Per ulteriori informazioni

Agnese Cavallo

CONDIVIDI
Articolo precedenteRapimenti, torture e omicidi in Siria
Articolo successivoCari onorevoli, prima di piangere provate a viaggiare su un treno
Agnese Cavallo, nasce a Napoli il 14 novembre 1985. Da sempre appassionata di classicità, da quando il padre le raccontava i miti greci e l’Odissea in lingua napoletana, decide che la letteratura e le materie umanistiche saranno il suo futuro. Si iscrive, così, al Liceo classico Quinto Orazio Flacco di Portici (Na) e continua l’esperienza umanistica alla Facoltà di Lettere Moderne della Federico II di Napoli. Consegue la Laurea triennale nel 2013 con 103/110, presentando una tesi sull’opera di Francesco Mastriani “i Vermi. Studi storici sulle classi pericolose in Napoli”, importante giornalista e scrittore di feullitton napoletano di fine ‘800. Il giornalismo, infatti, è da sempre una passione e, quasi, una vera missione. Convinta che i giornalisti siano spesso persone lontane dalla realtà, pronti, più che alla denuncia alla gogna mediatica, nei suoi articoli preferisce una sana soggettività volta all’etica e al sociale anziché un’oggettività moralistica e perbenista. Nel febbraio 2012 inizia la sua esperienza con il giornale “Libero Pensiero” prediligendo il sociale, la cronaca, la cultura e anche la politica. Il suo argomento preferito? Napoli, tra contraddizioni e bellezza.

NESSUN COMMENTO