Napoli – Bologna non è solo una partita di calcio, ma anche una partita tutta politica. E’ il caso sollevato sullo sgombero di Làbas, il centro sociale bolognese che da quattro anni occupa l’ex caserma militare Masini.

A dare il calcio d’inizio all’incontro è stato il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris, sostenitore dei movimenti e dei centri sociali che, durante l’ultima campagna elettorale, l’hanno sostenuto anche elettoralmente con alcuni esponenti candidati nelle sue liste. Il sindaco, che parla di rivoluzione ed autonomia napoletana, ha mandato un messaggio al collega bolognese Virginio Merola: “La mia esperienza di sindaco mi porta a dire che quando ci sono esperienze dal basso, di riappropiazioni di spazi abbandonati, più che occupazioni siano liberazioni”, dice. “Lo sgombero non è un modello democratico da esportare”. E conclude: “Sostegno a chi fa pratiche di autogoverno dal basso per il bene comune, non per interessi privati”. Il video è stato poi pubblicato sulla pagina Facebook ufficiale di Làbas

La risposta di Virginio Merola

“Caro sindaco De Magistris, ti ringrazio per i consigli anche se trovo inusuale il tuo appello sull’area occupata da Labàs. Vorrà dire che quando passerò da Napoli cercherò di ricambiare con qualche consiglio da una delle rare aree critiche della tua bellissima città. Quanto alle occupazioni, anche io apprezzo e guardo con interesse alle esperienze che vengono dal basso purché, però, realizzate prima di tutto entro i confini della legalità. Penso che dovere primario di un sindaco sia operare scelte, a volte difficili, nell’interesse di tutti i cittadini senza facili e demagogici ammiccamenti alle “realtà dal basso”. Se vorrai un giorno ti accompagnerò a visitare le tante aree un tempo abbandonate e recuperate, qui a Bologna, con la partecipazione dei cittadini”. Merola continua: “A nessuno piacciono gli sgomberi, ancor meno la tolleranza verso l’illegalità e verso le occupazioni indiscriminate, assai spesso organizzate e gestite a favore di persone giunte a Bologna da altre città proprio per occupare. Se proprio devo pensare a un esempio di democrazia, credimi, non immagino questo. Infine trovo un po’ insolito che chi, come te, venendo da una esperienza di magistrato, oggi sorvoli sul fatto che l’immobile sia posto sotto sequestro della magistratura. In ogni caso ti faccio i miei migliori auguri per il tuo secondo mandato”.

 

1 COMMENTO

  1. Caro Merola,non ascolti questo invasato,amministrazione di parte e che parte!Occupazione illegale da parte di tuttibi ristoratori,passagginpedonali e per invalidi occupati abusivamente,proprieta comunali regalate per scambio voti,tutto il restobe visibileva tutti!Puo um nagistrato con la sua tirannide amministrare una citta senza attenersi alle leggi?

Comments are closed.