Un Popolo in Cammino: “Liberiamoci dalla camorra”

0
332
un popolo in cammino
un popolo in cammino

Giovedì 21 Luglio ” Un Popolo in Cammino “,  insieme alle numerose realtà sociali attive sul territorio e ai cittadini si riunirà in presidio alle ore 9.30 presso la Prefettura.

Lo scopo del presidio organizzato da ” Un Popolo in Cammino ” è quello di chiedere alle istituzioni di affrontare seriamente il  problema camorra. La situazione è preoccupante. In soli 18 mesi le nostre strade si sono macchiate del sangue di 70 vittime di camorra, molte delle quali erano innocenti. La camorra è un cancro e come tale ha bisogno di essere sconfitto. In questa “partita” un ruolo fondamentale lo giocano le istituzioni. Si necessita di un piano che investa sul lavoro, scuola e sicurezza, eliminando dunque quelli che sono i terreni fertili su cui agisce la camorra.

Chiediamo alle istituzioni, in particolare al Governo nazionale, di essere all’altezza della risposta che il popolo di Napoli sta dando in questi mesi: Napoli si sta ribellando alle camorre ma non può essere lasciata sola. Il Governo deve stanziare fondi straordinari e strutturali per sconfiggere le camorre.Perché, come diciamo da mesi, le camorre si sconfiggono soprattutto con il lavoro, la scuola e la sicurezza sociale” – spiegano in una nota gli organizzatori e concludono: ” Noi abbiamo le nostre proposte e delle richieste precise, costruite in questi mesi di mobilitazione e di partecipazione in decine di riunioni e assemblee. Ci aspettiamo che anche la politica e le istituzioni avvertano lo stesso senso di urgenza che avvertiamo noi: c’è una generazione di questa città che sta morendo, schiacciata tra le camorre e lo sfruttamento. Bisogna fare presto“.

 

 

https://www.facebook.com/events/245550315832182/

Maria Baldares 

CONDIVIDI
Articolo precedenteLibera Campania: Al via la IV Edizione di “Già Campania”
Articolo successivoLa nuvola tossica è arrivata sul Vesuvio
Frequento il secondo anno in Scienze della Comunicazione e sogno di diventare una giornalista a tutti gli effetti. Sono sempre stata decisa a voler intraprendere questo tipo di carriera e ciò che ha contribuito a far coltivare questa passione è stato il quartiere in cui sono nata e crescita. Vivo a Secondigliano, inutile dirvi le difficoltà e i problemi che purtroppo esistono e persistono ma allo stesso tempo ci sono tante persone che fanno di tutto per cambiare le cose, io sono una tra queste. Spesso si guarda solo il negativo delle cose tralasciando l'altra parte della medaglia, quella positiva.

NESSUN COMMENTO