Fantabreak: la fortuna di fanta-tesserare giocatori fedeli

0
266
dipendenza

Cari fan di Fantabreak, in questa puntata estiva, non vi parleremo dei soliti bonus e malus del Fantacalcio, ponendovi l’esempio di chi si è rivelato col tempo uno dei migliori colpi al Fantacalcio ed ha dimostrato la propria fedeltà. Infatti lo sarà ancora per molto tempo dato che ultimamente ha prolungato il proprio contratto con la squadra. Il giocatore in questione è Marek Hamsik, che ha voluto prolungare il proprio contratto fino al 2020 garantendo quasi di restarci fino al tramontare della sua carriera, che di base ha sempre avuto tonalità di blu, partendo con l’azzurro dello Slovan Bratislava negli anni che vanno dal 2002 al 2004, per poi emigrare in Italia da altri blu, quali i bresciani, per poi nel 2007 ritornare all’azzurro con il Napoli. Proprio con quest’ultima il suo nome ha iniziato a valicare i nomi d’Europa, diventando quindi, anche se in tempi antecedenti la nascita, il più vero dei Fantabreak, dato il suo schieramento a ridosso delle punte e la sua propensione ad essere benefico. Iinfatti la scorsa stagione, seppur un iniziale tranche di adeguamento allo stile del Mister 33, si è rivelato un attaccante aggiunto, grazie ai 6 gol e 7 assist fatti in 38 presenze, ottenendo mediavoto e fantamediavoto sempre sufficienti, rasentando il 7.

hamsik servizio napoli

Il fantacalcio italiano ringrazia Marekiaro per aver garantito ai nostri fantacampionati la propria presenza. Fino al 2020 il nostro fantacalcio potrà specchiarsi in un Marekiaro. Grazie soprattutto ad Aurelio De Laurentiis che garantisce ciò con giusta lungimiranza, anche perché il capitano non si tocca. Vi saluto e soprattutto buon Fantabreak a tutti. Ci rivediamo con le prossime notizie di mercato/fantamercato. Ma Fantabreak solitamente si conclude con una vignetta, ed il solito Savio ci spalleggia ancora, offrendoci un Hamsik al servizio partenopeo. E sicuramente anche di tutti i fantallenatori che giustamente faranno salti mortali per acquistarlo.

Eugenio Fiorentino

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedentePokémon Go, “Venite a salvarci”: il disperato appello dei bambini siriani
Articolo successivoL’estate rovente del calciomercato tra i mal di pancia di Higuain e Icardi
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.

NESSUN COMMENTO