Populismo: cosa significa realmente?

0
1030

Sempre più spesso, nel dibattito politico italiano (e non solo), sentiamo pronunciare il termine “populismo”. Il più delle volte viene utilizzato per sminuire l’avversario, sottintendendo che esso cerca un facile consenso tra gli elettori: il famoso “parlare alla pancia”. Una volta immessa nella testa degli elettori questa concezione di populismo, si è passati ad usarla per ridicolizzare gli argomenti dell’avversario.

Kosovo-UeIl termine “populista” è diventato l’arma dei partiti di governo dell’Unione Europea per tracciare una differenza ontologica tra essi e i partiti che propongono una visione diversa della società, i cosiddetti “antisistema”: “Solo noi (centristi ed europeisti) siamo governativi, gli altri sono solo alla ricerca di facili consensi”. Con questa strategia comunicativa – ormai più efficace della vecchia “reductio ad hitlerum” – i partiti “di sistema” indicano i loro oppositori come immaturi e utopisti, quando non mistificatori e ingannatori, e dunque preclusi al governo di un Paese – argomento simile a quello usato dalla DC contro il PCI, quando, per via dell’URSS, nonostante gli sforzi togliattiani della “via italiana”, la dottrina marxista veniva definita incompatibile con la democrazia. L’etichetta di “populista” è stata affibbiata a tutti i critici – più o meno radicali – del sistema europeo, indipendentemente dalle loro specifiche ideologie: dalla Syriza di Tsipras al Front National della Le Pen, dal MoVimento 5 Stelle al sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, dallo Ukip di Farage a Podemos di Iglesias. L’unico elemento che accomuna queste forze politiche è l’opporsi – nei modi e per le motivazioni più disparati – al sistema attuale. Eppure, il vero significato di populismo è tutt’altro da quello, molto più simile a “demagogia”, affibbiatogli dall’attuale narrazione dominante.

Per quanto riguarda la cultura italiana, il populismo è anche una corrente della letteraturaPasolini-nuova contemporanea – più correttamente “letteratura populista” – nella quale alcuni critici (Alberto Asor Rosa in “Scrittori e popolo” del 1965, ad esempio) inseriscono, tra gli altri, autori come Elio Vittorini, Antonio Gramsci, Pier Paolo Pasolini e molti altri intellettuali di stampo marxista, democratico o esponenti del cosiddetto “fascismo di sinistra”, di cui faceva parte inizialmente lo stesso Vittorini. Gli “autori populisti” erano così definiti in quanto consideravano il popolo come depositario dell’energia e dell’intelligenza collettiva in grado di cambiare la propria condizione subalterna (questi autori indicavano come “popolo” principalmente le classi contadina e operaia e tutti i cittadini che si opponevano alla dittatura fascista) e, a partire da essa, l’intera società. Una fiducia nelle potenzialità di un popolo spesso idealizzato o, con maggior realismo, da egemonizzare culturalmente, come previsto dalla visione marxista gramsciana.

“L’uso del termine populismo è legittimo solo quando sia presente nel discorso letterario una valutazione positiva del popolo, sotto il profilo ideologico oppure storico-sociale oppure etico. Perché ci sia populismo, è necessario insomma che il popolo sia rappresentato come un modello”. (Alberto Asor Rosa, Scrittori e popolo, 1965)

La visione della corrente letteraria italiana è assolutamente coerente con il concetto originario di populismo, derivato dal termine inglese “populism”, a sua volta traduzione del russo “narodničestvo” (“narod” in russo significa, appunto, “popolo”), parola che denomina un movimento nato nella Russia imperiale alla metà del XIX secolo, il cui scopo era l’emancipazione delle masse contadine dallo stato di povertà e il superamento dello zarismo per giungere ad una società democratica, che poteva essere, a seconda delle visioni, “occidentalista” (cioè liberale) o di stampo socialista.

libia popolo in piazzaIl termine populismo ha, dunque, un significato politico chiaro: rendersi portavoce delle istanze del popolo; lavorare per migliorare le condizioni degli strati più deboli della società, internamente alla democrazia rappresentativa, auspicando un suo superamento, favorito da mezzi di democrazia partecipativa e diretta (secondo una visione molto rousseauiana di democrazia), con lo scopo di rendere il popolo sempre meno limitato nel semplice “relegare” (citando il Gaber de “La libertà”): una visione, quasi libertaria, di graduale autogestione della società. Secondo questo significato, “populista” dovrebbe essere considerato come il più alto dei complimenti che possa esser rivolto ad un politico. E, in effetti, esso è un appellativo che non meritano tutti quelli cui viene affibbiato, o, al limite, per alcuni è valido solo nel senso di “demagogo”. Ma probabilmente, in un ambiente politico dominato da economia e finanza, in cui la voce dei cittadini ha sempre meno preso, il termine “populista”, anche – e soprattutto – se preso nel suo significato positivo, non è lusinghiero per i politicanti di mestiere.

Pietro Marino

NESSUN COMMENTO