Nella giornata di lunedì, un uomo è caduto dal tetto di un capannone.

L’operaio di circa quarant’anni nella zona di Sant’Egidio, è precipitato da un’altezza di circa sei metri. Sul luogo dell’incidente sono giunti precipitosamente i soccorsi e le forze dell’ordine: l’ambulanza ha portato subito l’uomo all’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore, dove è stato trasferito nel reparto di rianimazione.

L’ennesimo caso di incidenti sul posto di lavoro dovuti alla poca sicurezza in cui vertono le impalcature, come in questo caso: sembra infatti che l’operaio sia caduto da una copertura che ha cedutoimage

In Italia, la salute e la sicurezza sul lavoro sono regolamentate dal “Testo unico sulla sicurezza sul lavoro“, costituito da una serie di norme che, se rispettate, portano ad ambienti di lavoro sicuri e salubri in modo da evitare tutti i rischi connessi alla vita dei lavoratori.

Purtroppo, per eludere spese aggiuntive e falsificando i controlli, queste norme molte volte non vengono rispettate dai datori di lavoro o dalle aziende, portando ad incidenti che altrimenti si sarebbero potuti evitare.

E così, lavoratori che ogni giorno svolgono il loro mestiere, all’improvviso possono ritrovarsi a fare un volo da un’impalcatura non sicura: un volo verso terra che non si sa quale esito avrà.

Federica Ruggiero

CONDIVIDI
Articolo precedenteL’ ex anagrafe comunale diverrà un casinò?
Articolo successivoAlfieri: titanismo e libertà
Studentessa di Scienze della Comunicazione (Editoria) all’Università degli studi di Salerno, 21 anni. Membro di Link Fisciano e Rete della Conoscenza. Ancora non so cosa fare e chi diventare, quindi per ora mi limito a provare e ad iniziare a conoscere le cose che mi interessano e mi fanno stare bene: fotografia, libri, giornalismo, musica, grafica, politica, volontariato, arte, cultura. Di recente, ho scoperto che amo volare.