Disabilità, in arrivo l’app ”No-Barriere”

0
1215

Spostarsi in città tra strade, marciapiedi, scivoli mancanti e altri ostacoli può complesso per chi è costretto a muoversi in carrozzina. Per fortuna è in arrivo un’ app per segnalare le barriere architettoniche e ricevere aiuto per abbatterle.

Per venire incontro alle esigenze dei disabili che quotidianamente si trovano di fronte alle difficoltà dei percorsi cittadini l’Associazione Luca Coscioni ha lanciato l’app No-Barriere. E’ gratuita, disponibile per Android e iOS e facile da usare e dal sito dell’associazione si può anche accedere dalla versione web.

 Una volta aperta l’applicazione è sufficiente inserire i propri dati personali, scattare una foto, allegare una breve descrizione del problema e attivare la geolocalizzazione. La segnalazione viene automaticamente visualizzata online e permette di avere una mappatura delle ‘anomalie’.

E’ possibile, inoltre, inviare una mail al proprio Comune di residenza che dovrà provvedere a rimuovere la barriera entro trenta giorni dalla segnalazione.Se non se ne fa carico spiega Rocco Berardo, dirigente dell’associazione – entro tempi ragionevoli, si può procedere per vie legali per rivendicare il proprio diritto a non essere discriminati. L’Associazione Luca Coscioni fornirà il dovuto supporto legale.

I Peba (Piani di eliminazione delle barriere architettoniche) sono previsti dal 1992, ma ciò nonostante la maggior parte dei Comuni non li ancora adottati. ”La rimozione delle barriere ha un costo, ma può essere recuperato nel medio termine consentendo la libera circolazione di migliaia di persone con disabilità cui ancora oggi viene negato il diritto a muoversi autonomamente per andare a scuola, al lavoro, in uffici pubblici.” ha spiegato Marco Cappato, tesoriere dell’associazione’.

Le pubbliche amministrazioni dovrebbero adottare quest’ app innovativa perché consente un dialogo diretto con i cittadini e un modo per avere una percezione immediata dei problemi che incontrano. Si auspica che le segnalazioni possano sensibilizzare gli amministratori per avere città davvero a misura di tutti.

Vincenzo Nicoletti

NESSUN COMMENTO