Ieri sera al San Paolo si sono celebrati i 90 anni del Napoli: la ricca ed emozionante storia del Napoli è arrivata ai suoi primi 90 anni.

Non è stato facile festeggiare in casa Napoli, soprattutto a causa della delusione per la cessione di Higuaìn. E L’aria pesante è stata avvertita da molti degli spettatori presenti allo stadio. In realtà sono sembrati un po’ pochi gli spettatori per un’occasione così importante, così come è sembrata un po’ scarna l’organizzazione dell’evento che ha visto comunque l’esibizione della prestigiosissima orchestra del Real Teatro di San Carlo. C’è stato poi il messaggio di Diego Armando Maradona che ha praticamente dato del “traditore” ad Higuaìn, invitando però i tifosi a guardare avanti.

I tifosi azzurri, pur avendo tutto il diritto di manifestare il loro malcontento, hanno lasciato in questo modo la sensazione di aver sbagliato il momento. Occorre anzitutto, in simili frangenti, ricordarsi dello sport e della passione per il gioco del calcio che esiste a Napoli ormai da 90 anni.

Lasciandoci alle spalle la questione Higuaìn, torniamo al calcio giocato: nell’amichevole disputata per l’occasione, positiva la prestazione degli azzurri che all’ottimo palleggio e possesso palla del Nizza contrappongono la concretezza, anche se tutti ancora un po’ sulle gambe, com’è naturale che sia in questa fase del ritiro.

Koulibaly apre le marcature con un bel colpo di testa, approfittando della distrazione della difesa francese. Raddoppio di Dries Mertens che con un affondo sulla trequarti si libera per un tiro molto preciso che batte l’estremo difensore del Nizza. Ancora Koulibaly, in gran spolvero per l’occasione, timbra poi il definitivo 3 a 0.

Prosegue bene la preparazione del Napoli, in attesa degli ultimi colpi di mercato che affianchino Milik (finalmente apparso dinanzi ai suoi nuovi tifosi), Tonelli e Giaccherini e poi, finalmente, della prima di campionato sempre più vicina.

Salvatore Annona

CONDIVIDI
Articolo precedenteRiapre il Trianon, Nino D’Angelo direttore artistico
Articolo successivoKikki Village – vacanze per tutti: aboliamo le barriere
Nato a Napoli nel 1975 vi ho vissuto fino ad oggi, senza mai emigrare. Dopo il diploma di geometra, ho conseguito la Laurea in Ingegneria Civile nel 2005 con tesi in Ingegneria Sismica. Ho una splendida famiglia con moglie e due splendidi figli. Attualmente esercito la libera professione e sono membro della Commissione Manutenzione e Recupero degli Edifici Industriali presso L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli. Curioso sin dalla nascita, ho coltivato diverse passioni come la lettura e la grafica digitale. Amo immensamente la musica e lo sport (in particolare il calcio ed il tennis).

NESSUN COMMENTO