Le vacanze estive sono un premio che spetterebbe a tutti dopo un anno di duro lavoro. Ma spesso anche programmare un meritato relax diventa complicato, perché si incorre in difficoltà di vario tipo.
In tempo di crisi, è facile fraintendere e credere che i soli ostacoli siano di tipo economico, ma le vere difficoltà sono ben altre: per esempio, una rampa di scale di troppo può rappresentare un grosso problema.

Ecco perché in Sicilia, meta turistica molto ambita, precisamente a Modica, grazie al solidale lavoro del Consorzio siciliano di Riabilitazione, è nato il Kikki Village – Vacanze per tutti, cioè una struttura priva di barriere architettoniche che impediscano di trascorrere una meritata vacanza anche ai nostri amici disabili.

È l’unica struttura turistica della Sicilia attrezzata per accogliere persone e gruppi con esigenze motorie speciali. Come detto, il villaggio è infatti privo di barriere architettoniche ed è stato realizzato, affinché raggiunga il proprio scopo, con criteri improntati a standard europei di piena accessibilità dal Consorzio Siciliano di Riabilitazione.
Tale ente è impegnato da oltre quarant’anni nelle attività riabilitative e di integrazione sociale in favore dei disabili ed è presente nella provincia di Ragusa con quattro centri di riabilitazione (a Modica, Comiso, Pozzallo e Ragusa).

L’Ente ha inoltre realizzato il Kikki Village unicamente con i propri risparmi.

Si assiste a una grande dedizione alle esigenze del disabile. Il villaggio realizzato vanta al proprio interno anche la presenza di un centro di riabilitazione. Ha spiegato l’architetto Katja Brullo, progettista del villaggio assieme all’ingegnere Alberto Iacona:

Inoltre non sono presenti barriere, i bagni sono accessibili, come la piscina e tutti gli ambienti all’aperto.

Il progetto ha avuto tanto successo da ricevere congratulazioni anche dal sottosegretario Musumeci, che afferma:

Questo è un esempio brillante di come sia possibile unire il cuore e la ragione, e di come sia proficua la collaborazione tra la sensibilità degli enti pubblici e la concretezza di enti privati come il Csr, che si spendono per i disabili e per l’intero territorio siciliano.

Ciò che rappresenta davvero una vittoria del Kikki Village, oltre a ciò, è la citata presenza di un centro di riabilitazione, che darà a tante persone la possibilità di unire dovere e divertimento.

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedente90 anni del Napoli, festa a metà
Articolo successivoOriana Fallaci: la sua Rabbia, il suo Orgoglio
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.