Trasporto pubblico: il biglietto aumenterà

0
1242

Il  costo del biglietto per i pendolari, dal 1 gennaio 2017 aumenterà del 10 per cento.
Saranno esclusi dall’aumento coloro i quali sottoscriveranno un abbonamento e tutti gli studenti fino ai 26 anni. Per questi ultimi, infatti, la Regione Campania ha disposto che il trasporto pubblico sia totalmente gratuito. Questo, grazie ad uno stanziamento di 15,6 milioni voluto dalla giunta De Luca, che ha sbloccato altri 14 milioni per coprire le spese delle borse di studio agli universitari.

Intanto nella giornata di ieri, il Governatore, Vincenzo De Luca è tornato ad attaccare il suo predecessore: «La Giunta che mi ha preceduto mi ha lasciato in eredità un debito di oltre 140 milioni che ora dobbiamo rateizzare e questo ci impedisce di stipulare un nuovo contratto con Trenitalia». Lo quanto ha affermato il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca riferendosi a l’ex Governatore, Stefano Caldoro.

L’ex sindaco di Salerno poi, non nasconde la soddisfazione per la ”svolta” circa gli abbonamenti gratis per gli studenti: «Dopo aver garantito agli studenti la copertura del 100% delle borse di studio, manteniamo anche la promessa del trasporto gratuito». De Luca ha sottolineato che “siamo partiti nonostante ci siano ancora nodi da sciogliere, non potevamo aspettare di chiarire tutto e abbiamo fatto prevalere la forza della decisione politica.

Non sono mancate parole di sostegno per i lavoratori del Consorzio Unico: «Vi verrò a trovare, vale per tutti la necessità di un alto rendimento sul lavoro, ma mi pare che si stia creando un clima di entusiasmo». Le iscrizioni degli studenti sul sito di Unico Campania, ha sottolineato il presidente della commissione trasporti del consiglio regionale Luca Cascone, «servirà anche a creare una banca dati – ha detto- per capire effettivamente i flussi degli studenti in Campania e organizzare al meglio il servizio».

Altra novità prevista è l’anticipo, per le donne, a 62 anni di età per la richiesta di sconto.

Pasquale De Laurentis
p.delaurentis@liberopensiero.eu

CONDIVIDI
Articolo precedenteDi favole e di gioia, fiabe e novelle per Emergency
Articolo successivoSprechi alimentari: il Senato approva la nuova legge
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO