De Luca: nuova discarica entro il 2019

«abbiamo bisogno di una discarica» Giugliano, Marano, Caivano, Quarto e Chiaiano i possibili siti

0
480
de luca

Era il 18 Luglio scorso quando il governatore della regione Campania De Luca Annunciava un bando per la costruzione di ben dieci impianti di compostaggio promosso e pubblicato tra luglio e agosto dalla Regione Campania, a margine della firma di un protocollo d’intesa con il Conai per il rafforzamento della raccolta differenziata nell’intero territorio regionale.

«Dopo l’avvio della rimozione delle ecoballe e il programma straordinario per la differenziata, questo sarà un ulteriore tassello del sistema di gestione dei rifiuti» dichiarava il Presidente Vincenzo De Luca.

1 Agosto 2016, a poco più di un mese, è stata adottata la proposta di aggiornamento del Piano regionale di gestione dei rifiuti Urbani con Delibera di Giunta Regionale (DGR) n. 419 del 27/07/2016 , e con la Deliberazione n. 418 del 27/07/2016 la Giunta Regionale ha, altresì, provveduto ad aggiornare il piano straordinario di interventi di cui all’art. 2, comma 1 D.L. 185/2015, approvato con precedente DGR n.828/2015.

“Operazioni in termini di recupero ambientale”, così il governatore De Luca commenta a seguito delle delibere:
«Noi abbiamo sulla testa una spada di Damocle che è rappresentata dai 120mila euro di sanzione che l’Unione europea ha stabilito per l’Italia e che paga pro quota anche la Campania, quindi noi dobbiamo correre per risolvere il problema dei rifiuti. Il nostro programma regge su tre o quattro interventi di fondo: eliminazione delle ecoballe, completamento per la bonifica delle discariche, incremento della raccolta differenziata e realizzazione degli impianti, cioè tutto quello che non abbiamo fatto negli anni passati, per cui l’Unione europea ha stabilito la sanzione. Per le ecoballe siamo partiti, per la bonifica delle discariche stiamo completando, per gli impianti di compostaggio parte a fine agosto il bando per aprire dieci cantieri per dieci impianti di compostaggio. Per la raccolta differenziata abbiamo stanziato altri 45milioni di euro, stiamo facendo l’impossibile per rendere la Regione Campania autonoma nella gestione del ciclo dei rifiuti».

Nella delibera è prevista l’individuazione di una nuova discarica entro il 2019 destinata all`accumulo di 1 milione e 600mila tonnellate di rifiuti inertizzati, ovvero rifiuti che non producono percolato ed emissioni nell’atmosfera. Dopo il recupero delle plastiche, dei metalli e di altri materiali riciclabili le balle saranno indette allo smaltimento per la produzione di CSS, il combustibile da bruciare nei forni dei cementifici. Secondo il programma della Regione Campania l’individuazione dei siti e l’avvio dell’allestimento delle cave dovrà iniziare entro la fine del 2016. Intanto, tra i possibili siti destinati allo smaltimento dei rifiuti (secondo l’allegato alla delibera 418 per il metodo di individuazione da adibire a discarica) si farà riferimento prioritario agli studi di fattibilità già esperiti dalle strutture commissariali istituite dalla legge 1/2011. Secondo tale legge, le discariche sarebbero state individuate tra Chiaiano e Marano, ma non si escludono Giugliano e Caivano, in quanto De Luca annuncia che le discariche dovranno essere vicine agli impianti di ecoballe, individuando possibili siti anche a Quarto, tra i siti vicini allo STIR di Giugliano e Caivano.

«L’auspicio è quello di poter risparmiare i 120mila euro al giorno che il governo italiano paga all’Unione europea rifacendosi poi sulla Campania», conclude De Luca.

Con la realizzazione di una nuova discarica non sono d’accordo però, molti cittadini, che in collaborazione con Commons, hanno indetto nelle ultime ore una manifestazione che si terrà giovedì 8 settembre dalle h 18:00 alle h 20:30 presso la rotonda Titanic, al confine tra Chiaiano e Marano.

https://www.facebook.com/events/1727300514202217/

Rosaria Ferrara

NESSUN COMMENTO