San Giorgio a Cremano, un’estate tra musica e cinema

0
578
san giorgio

Non deve temere un’estate desolata e noiosa chi, per un motivo o per un altro, decide di rimanere in città nel mese di agosto. Molte le iniziative che allietano la calda estate 2016. N’è un esempio la piccola città di San Giorgio a Cremano, che mette a disposizione le proprie ville per ospitare eventi ed attività artistiche che partiranno dal 5 agosto e si concluderanno il 4 settembre 2016.

La rassegna Estate a San Giorgio a Cremano anche quest’anno propone un ciclo di film all’aperto, su iniziativa del neosindaco Giorgio Zinno, in collaborazione con l’amministrazione comunale. Con un biglietto di 4 euro si potrà assistere tutti i giorni, fino al 27 agosto, ai migliori film italiani ed internazionali della passata stagione cinematografica.
Consapevole del gran numero di persone che non avrebbe lasciato la città per le vacanze estive, il primo cittadino ha voluto valorizzare i luoghi, già molto frequentati, della città (Villa Vannucchi, Villa Bruno, Fonderia Righetti) installando un cinema all’aperto. Ma non finisce qui. Sono previsti eventi ed incontri teatrali e musicali a titolo gratuito nelle ville borboniche della città. Spettacoli, concerti e cinema nella ridente cittadina vesuviana per rallegrare quella fetta di popolazione che sceglie di rinunciare a vacanze frenetiche e costose nel mese più caldo dell’anno.

Programma ‘Estate a San Giorgio a Cremano’:

– 05 agosto 2016 Spettacolo teatrale “Tutte le donne che ho amato”, presso le Fonderie Righetti di Villa Bruno. L’attore Fabio Brescia porterà in scena tutti i personaggi femminili che ha interpretato nella sua carriera.

– dall’8 agosto al 2 settembre 2016, presso l’arena di Villa Vannucchi, “Cinema intorno al Vesuvio” a cura dell’Arcimovie.

– 3 settembre 2016 presso le Fonderie Righetti, spettacolo teatrale “Filosofia in vestaglia”. Il protagonista è Diderot la cui giornata viene scombussolata da cinque donne.

– 04 settembre 2016 presso l’Arena di Villa Vannucchi, lo spettacolo “Bye Bach Blues” promosso dall’associazione Controtempo.
Un concerto innovativo che vuole screditare ciò che generalmente si crede sulla musica classica.

Agnese Cavallo

CONDIVIDI
Articolo precedenteLazio: la sentenza del TAR boccia il ricorso degli obiettori di coscienza
Articolo successivoUn nuovo colpo all’ ass.ne Frida Kahlo
Agnese Cavallo, nasce a Napoli il 14 novembre 1985. Da sempre appassionata di classicità, da quando il padre le raccontava i miti greci e l’Odissea in lingua napoletana, decide che la letteratura e le materie umanistiche saranno il suo futuro. Si iscrive, così, al Liceo classico Quinto Orazio Flacco di Portici (Na) e continua l’esperienza umanistica alla Facoltà di Lettere Moderne della Federico II di Napoli. Consegue la Laurea triennale nel 2013 con 103/110, presentando una tesi sull’opera di Francesco Mastriani “i Vermi. Studi storici sulle classi pericolose in Napoli”, importante giornalista e scrittore di feullitton napoletano di fine ‘800. Il giornalismo, infatti, è da sempre una passione e, quasi, una vera missione. Convinta che i giornalisti siano spesso persone lontane dalla realtà, pronti, più che alla denuncia alla gogna mediatica, nei suoi articoli preferisce una sana soggettività volta all’etica e al sociale anziché un’oggettività moralistica e perbenista. Nel febbraio 2012 inizia la sua esperienza con il giornale “Libero Pensiero” prediligendo il sociale, la cronaca, la cultura e anche la politica. Il suo argomento preferito? Napoli, tra contraddizioni e bellezza.

NESSUN COMMENTO