Ischia, vacanze e festini alla villa del boss

0
580
Ischia

Isola d’Ischia, operazione dei carabinieri interrompe festino all’interno di una villa confiscata al clan Giuliano nel marzo 2011. L’abitazione è stata trovata occupata abusivamente da un diciannovenne napoletano in possesso di hashish

 

Villa Giuliano
Uomini della Compagnia carabinieri di Ischia impegnati in un’operazione di controllo sull’isola

Ischia – Nel corso di una normale operazione di controllo degli appartamenti dati in affitto ai villeggianti nel periodo estivo, i carabinieri della compagnia di Ischia, comandati dal capitano Andrea Centrella, hanno scoperto l’occupazione abusiva di una villa già nota alle forze dell’ordine.

La villetta, situata in via Venanzio Marone (nei pressi di Ischia Porto), era stata confiscata nel marzo 2011 nel corso di un’operazione antimafia che vide coinvolto Giuseppe Avigliano, esponente del clan Giuliano di Forcella. 

Pluripregiudicato e già detenuto per associazione di stampo mafioso, “O’ Magazzese”, come era comunemente chiamato, era in possesso di un consistente patrimonio immobiliare, formalmente intestato ai suoi familiari e la villetta, dalla valenza di circa 7 milioni di euro, faceva parte delle sue “fortune”.

Dal giorno della confisca la villetta era incustodita e disabitata. L’operazione dei carabinieri ha portato alla luce l’occupazione dell’immobile, da parte di un giovane diciannovenne napoletano.  Il ragazzo, residente a Forcella, appartenente presumibilmente ad una famiglia collegata al clan dei Giuliano, avrebbe un legame di parentela con Avagliano.

Il ribelle diciannovenne, incurante del fatto che il bene fosse stato confiscato, si divertiva ad ostentare sui social la sua lussuosa e trasgressiva vacanza all’interno della villa insieme ad amici e donne. Attraverso fotografie e  geolocalizzazioni dava sfoggio delle sue serate, tra ristoranti e discoteche, commentando: “Questa sì che è vita”

Dalle stelle alle stalle, il blitz dei carabinieri interrompe tutto e ora il giovane ragazzo dovrà rispondere di occupazione abusiva di stabile sottoposto a confisca da parte dello Stato (articolo 633 del codice penale) e, in seguito a perquisizioni, per detenzione ai fini di spaccio, in quanto trovato in possesso di 30 grammi di hashish.

La procura di Napoli ha aperto un’inchiesta per verificare le responsabilità della vicenda e per verificare le modalità con le quali il giovane sia riuscito ad occupare l’immobile.

Nel corso dell’operazione – come riporta La Repubblica – sono state controllate complessivamente 26 abitazioni nel comune di Ischia, ed è emersa la presenza di settantanove persone occupanti non dichiarate all ’autorità locale di pubblica sicurezza.

Federica Pia Mendicino

NESSUN COMMENTO