Operazione Opulentia: sequestrati in Liguria reperti rubati

0
704
operazione opulentia

I militari del Gruppo della Guardia di finanza con l’ausilio dei funzionari delle Agenzie delle dogane di La Spezia, durante i loro quotidiani controlli sulle merci d’importazione, hanno rilevato un sospetto spostamento di container, dando il via ad un’operazione di recupero archeologico assai importante.

Tre fra migliaia si sono rivelati contenitori di beni archeologici inestimabili, parte del patrimonio dello Stato e tutelati dalla Convenzione UNESCO del 1970. Il ricco bottino si compone di sontuosi quadri ad olio di fattura francese, raffiguranti dei putti, con preziose cornici in legno del secondo Settecento e raffinati mobili; apprezzato dagli esperti della Soprintendenza dei Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici della Liguria.

Nello specifico importanti elementi per la datazione storica ritrovati sono: una statua romana femminile in marmo colorato, rara copia della cosiddetta “Artemis Braschi”, raffigurante la dea Artemide (Diana per i Romani, la dea della caccia) dell’età imperiale giulio-claudia (I sec. d.C.); un vaso “askòs” in terracotta decorata, destinato ad un ornamento funebre, proveniente dalla Dàunia (antica Puglia settentrionale) risalente al IV-III sec. a.C.; una statua romana in marmo bianco lunense (marmo di Carrara), tronca della parte superiore del corpo, raffigurante un’icona ritratta in nudità eroica che caratterizza sia imperatori che personaggi di rango imperiale, oltre che privati e divinità, databile I sec. d.C.

Per il suo peso storico, artistico ed economico, questa operazione è stata denominata “Opulentia” termine latino che vuole indicare l’opulenza e quindi la ricchezza e la consistenza del materiale ritrovato, uno dei tanti simboli di un’Italia saccheggiata della sua arte e delle sue bellezze.

Sembra infatti  che questo tesoro provenga da Miami ed era destinato ad una sontuosa villa fiorentina di un ricco imprenditore statunitense che sembra apprezzare particolarmente la nostra cultura italiana. Non vi era alcuna prova circa la legittima provenienza dei reperti e l’accusato è stato denunciato per le condotte previste e punite dal codice dei beni culturali (D.Lgs. 42/2004), dal codice penale e dal codice doganale con la contestazione di diritti doganali evasi per oltre € 23.000.

Alessia Sicuro

CONDIVIDI
Articolo precedenteVirginia Raggi torna a graffiare: “vi racconteremo cosa accade dal 1964”
Articolo successivoFerragosto 2016, in Campania all’insegna della Cultura
Diplomata al liceo scientifico sperimentale PNI, matricola alla facoltà di lettere moderne della Federico II, ha sempre voluto avere una visione a 360 gradi di tutte le cose. Accortasi che la gente preferisce bendarsi invece di scoprire ed affrontare questa società, brama ancora di tappezzare il mondo coi propri sogni nel cassetto. Divora libri, vecchie storie, vorrebbe guardar il futuro con degli occhiali magici per riportar solo belle notizie alla gente disillusa. Vorrebbe indossare scarpe di cemento per non volar sempre con la fantasia, rintagliarsi le sue ali di carta per dimostrare, un giorno, che questa gioventù vale! Vorrebbe esser stata più concreta fin dall’inizio, essere interessata ai soldi come tutta la gente normale e non sentirsi in pace col cosmo solo perché sta inforcando una penna. Si, vorrebbe, ma bisogna sempre svegliarsi.