Classifica Amazon: la panoramica italiana e la situazione del Sud

0
336
classifica
Library

Anche quest’anno Amazon ha stilato una classifica delle città in cui si legge di più, in vista delle letture estive da spiaggia, considerando i titoli in formato cartaceo e digitale acquistati dai lettori sul sito Amazon.it durante l’ultimo anno (dal 1 luglio 2015 al 31 luglio 2016) su base pro capite in città con più di 100.000 abitanti.

“La nostra classifica mostra che la lettura continua ad essere una passione per gli italiani”

ha commentato Jorrit Van der Meulen, vice presidente EU di Kindle.

classifica

In base alla classifica, Milano, per il terzo anno consecutivo, resta al primo posto, seguita da Padova e VeronaFirenze, rispetto agli anni precedenti, scende dal 5° al 8° per fare posto a Cagliari e Bologna. Roma guadagna una posizione, mentre esce di scena Udine.

Dalla classifica, preoccupante risulta la situazione del Sud: Salerno è trentaseiesima, seguita da Napoli, Bari, Messina, Taranto e Siracusa; Palermo si attesta al quarantadueismo posto, Catania è ferma al 44°, seguita da Reggio Calabria al 47° posto.

La classificazione si preoccupa di esplorare anche i generi preferiti dai lettori, che cambiano di città in città: ad esempio, nel capoluogo lombardo si prediligono titoli non-fiction, viaggi e salute; mentre i lettori di Sassari preferiscono la fantascienza e quelli di Pescara i libri di cucina.

È noto da tempo che in Italia si legge di meno che negli altri Paesi europei; sul suolo nazionale la differenza di lettori tra nord e sud può dimostrarsi preoccupante, come emerge ogni anno anche dalla classifica di Amazon. Il motivo di queste difformità ce lo si chiede da anni e un po’ tutti si sono interrogati sull’argomento.

Probabilmente una ragione, o una soluzione, non esiste; quindi, piuttosto che interrogarsi sulle possibili cause, sarebbe il caso di inventarsi dei modi per spronare gli italiani alla lettura. E lo si sta già facendo, con un’iniziativa (dell’Associazione Italiana Editori) come “Io leggo perché” che dopo il traguardo dell’anno scorso, che ha coinvolto migliaia di persone e raggiunto la consegna di 240mila libri in tutta Italia, quest’anno ha deciso di espandersi aiutando la crescita delle biblioteche scolastiche.

Forse educando alla lettura i giovani italiani, questi ultimi da grandi faranno diventare il loro Paese primo in tutte le classifiche.

“Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito… perché la lettura è un’immortalità all’indietro”. (Umberto Eco)

NESSUN COMMENTO