Napoli, nuovi orari per le sale gioco

0
297
napoli
napoli

Napoli. Il 2016 porta con se nuovi orari per le sale gioco.

Le sale gioco presenti sul territorio di Napoli dovranno, tassativamente, rispettare il seguente orario: Dalle ore 9.00 alle ore 12.00 e dalle ore 18.00 alle ore 23.00, festivi compresi. Mentre per i locali appositi che ospitano slot machine, videolottery e tutti quei macchinari che indirizzano al gioco seguiranno un orario diverso che va dalle ore 9.00 alle  ore 12.00 e dalle ore 18.00 alle ore 20.00. I titolari che non rispetteranno tale orario saranno multati o addirittura, c’è il rischio di chiusura dell’esercizio.

Il Comune di Napoli si è sempre dimostrato sensibile su questo tema. Infatti, lo scorso marzo approvò l’attivazione dell’Osservatorio sulla ludopatia. Lo scopo dell’osservatorio è quello di promuovere iniziative di prevenzione.

L’Assessore alle Attività Produttive Enrico Panini ha dichiarato: “L’obiettivo dei nuovi orari è molto preciso: contrastare in città la crescente diffusione del Gioco d’Azzardo Patologico che colpisce le fasce più deboli della popolazione e gli adolescenti, vera e propria piaga. La difesa della salute per noi è un imperativo irrinunciabile“.

Il Presidente delle Acli Napoli, Gianvincenzo Nicodemo: “Finalmente vediamo l’entrata in vigore delle ordinanze sindacali, in un quadro complessivo che risulta più solido, da quando il Tar Campania ha giudicato legittimi i provvedimenti attuati dal Comune. Sarà necessario accertarsi che le regole vengano rispettate: chiediamo al sindaco di definire una unità operativa della polizia locale che verifichi il rispetto della normativa comunale in materia di gioco d’azzardo. Dal canto nostro ci impegneremo nella realizzazione di un controllo popolare diffuso, volto a denunciare le irregolarità, nell’interesse delle comunità in cui i circoli delle Acli sono presenti, nella città di Napoli”.

Maria Baldares 

CONDIVIDI
Articolo precedenteDivieto di burkini, una segregazione implicita
Articolo successivoPalinuro Blues Festival, I edizione
Frequento il secondo anno in Scienze della Comunicazione e sogno di diventare una giornalista a tutti gli effetti. Sono sempre stata decisa a voler intraprendere questo tipo di carriera e ciò che ha contribuito a far coltivare questa passione è stato il quartiere in cui sono nata e crescita. Vivo a Secondigliano, inutile dirvi le difficoltà e i problemi che purtroppo esistono e persistono ma allo stesso tempo ci sono tante persone che fanno di tutto per cambiare le cose, io sono una tra queste. Spesso si guarda solo il negativo delle cose tralasciando l'altra parte della medaglia, quella positiva.

NESSUN COMMENTO