Di Maio sulla Terra dei Fuochi rilancia: ”A settembre subito una manifestazione partecipata”

0
333

Una grande manifestazione partecipata per cercare di risolvere in maniera definitiva il ”problema” sempre presente della Terra dei Fuochi.
E’ l’idea lanciata dal vicepresidente della Camera dei Deputati, Luigi Di Maio, il quale afferma: «Dobbiamo scendere in piazza – dice Di Maio. Se si è fatto qualcosa nel 2013 era perché per le strade c’erano decine di migliaia di campani che protestavano. Settembre deve essere mese caldo per la politica e non per i cittadini che respirano l’aria calda dei roghi tossici».
Il componente del direttorio del M5S prosegue: «Facciamo appello a tutte le persone che vogliono muoversi e mobilitarsi per dire la parola fine ai righi tossici, anche alle associazioni e alle diocesi. Le parrocchie sono sempre state in prima fila a denunciare i roghi. Organizzatevi! La mobilitazione non deve partire dal M5s, si devono organizzare i cittadini: noi – conclude – saremo insieme a voi in prima linea!».

Poche settimane fa Di Maio, proprio a proposito della Terra dei Fuochi, al termine di una visita al Comando diceva: «Anche se non è più di moda e non finisce più sulle prime pagine dei giornali, la Terra dei fuochi continua a bruciare».
In effetti quest’estate la Campania, in particolar modo la città di Napoli è stata fortemente caratterizzata fin qui dall’emergenza roghi tossici.

Il fuoco appiccato al campo rom di Casalnuovo di Napoli non è stato affatto un caso isolato. Nel corso delle ultime settimane infatti, si sono verificati tantissimi altri casi di Roghi tossici che prontamente sono stati denunciati dalle associazioni e dai movimenti dei diversi territori coinvolti.

Notizia di qualche giorno fa riguarda il week end scorso e narra di almeno quattro Roghi tossici di grandi proporzioni, con uno di questi  che ha interessato la zona balneare di Licola provocando aria irrespirabile e costringendo quindi i bagnanti ad abbandonare la spiaggia.

Pasquale De Laurentis
p.delaurentis@liberopensiero.eu

CONDIVIDI
Articolo precedenteFantabreak: i consigli per la prima giornata
Articolo successivoWorld Photo Day: gli scatti suggestivi del 2016
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO