Napoli, esordio deludente

0
347

Finalmente esordisce il Napoli. Dopo tante chiacchiere rieccoci al calcio giocato, purtroppo con un piccola delusione data dalla prestazione degli azzurri apparsi non brillantissimi allo start.

Gabbiadini inserito titolare non crea molto e, purtroppo, fa rimpiangere parecchio Higuaìn, ma il campionato è lungo e il giovane talento saprà sicuramente riscattarsi (o almeno ce lo auguriamo). Ma vediamo il dettaglio del match.

Il Pescara scende in campo con quasi tutti i calciatori al loro esordio in massima serie:

Bizzarri, Biraghi, Coda, Gyomber, Zampano, Memushaj, Brugman, Cristante, Verre, Benali, Caprari.

Il Napoli, come già detto parte con Gabbiadini al centro dell’attacco e con Valdifiori al posto dello squalificato Jorginho e schiera:

Reina, Ghoulam, Koulibaly, Albiol, Hysaj, Hamsik, valdifiori, Allan, Insigne, Gabbiadini, Callejon.

Parte subito bene il Napoli che impone subito il suo gioco, così come avveniva spesso nello scorso campionato. Possesso di palla stretto e verticalizzazioni improvvise, ma una dormita in difesa (Koulibaly in primis) regala di fatto il primo goal al Pescara che all’8′ si trova in vantaggio con il goal di Benali. Quello di Benali è risultato essere il goal più veloce della prima giornata di campionato.

Il Napoli a questo punto sparisce completamente. Le poche azioni della squadra azzurra sono caratterizzate da enorme confusione. Sembra molto lontano il Napoli dello scorso campionato ed insigne si interstardisce con le sue solite azioni in cui si libera dell’avversario e scaglia il pallone lontano dalla porta. Ma non è solo Insigne il problema in questa partita. Al 35′ altro errore di Kuoilibaly che con ripartenza del Pescara si trova troppo alto e non riesce a rientrare per evitare il goal di Caprari. Gli ultimi minuti del primo tempo servono solo a rovinare il fegato di Sarri e dei tifosi che sono davvero basiti di frnte alla prestazione del Napoli.

Durante la ripresa, dopo otto minuti vengono sostituiti Insigne e Gabbiadini per Mertens e Milik. E’ la svolta della partita del Napoli. Mertens prende per mano la squadra e, praticamente da solo, in pochi minuti accorcia le distanze e poi pareggia. Ma non solo, lotta e corre su ogni pallone.

A metà ripresa entra anche Zielinski per dare il suo contributo. Il Napoli, grazie alla grinta di Mertens trova anche un sussulto ed addirittura tutta la squadra si riversa nella metà campo avversaria per tentare di vincere. Al 79′ accade anche un episodio curioso su cui si parlerà molto. L’arbitro assegna un calcio di rigore per un intervento a gamba tesa su Zielinski, ma il giudice di linea fa cambiare idea all’arbitro ma non si capisce bene per quele motivo. Episodio da dare in pasto alle moviole ed alle opinioni al bar.

La partita termina con il risultato di 2 -2, con un pò di amaro in bocca per i tifosi del Napoli, non tanto per il pareggio quanto per la prestazione scialba della squadra.

LE PAGELLE

Reina: 6 di incoraggiamento, non può nulla sui due goal del Pescara;

Ghoulam: 5. Gioca male e sbaglia un sacco di cross. Non è in giornata;

Koulibaly: 3. Un disastro. Se come dice il suo procuratore, vuole andare assolutamente via, che lo si venda pure. Irritante;

Albiol: 3. Un pò meglio del compagno di reparto solo per aver sfiorato il goal di testa. Stesso voto perchè poi si fa anche ammonire.

Hysaj: 6. Nella brutta prestazione del Napoli non perde mai la testa ed in situazioni davvero complicate non perde mai la palla. Si propone molto nel secondo tempo.

Hamsik: 5,5. Un bel tiro ad inizio gara ma poi in confusione anche lui. Viene sostituito da Zielinski quando non ne ha più.

Valdifiori: 5,5. Qualcosa di buono lo fa vedere, come due tiri che potevano avere miglior sorte, ma è ancora troppo poco.

Allan: 5. Ma è quello dello scorso anno? Dov’è?

Insigne: 3. Inguardabile. Vuole andar via? Si accomodi. Sostituito da

Mertens: 8. Da ammirare per la sua voglia di risvegliare entusiasmo nella squadra. fa tutto da solo. il primo punto del Napoli è tutto suo

Gabbiadini: 4 di incoraggiamento. Si vede da subito che è leggerino. Non riesce mai ad irrompere in area. Se aspetta sempre il goal di rapina oppure il guizzo non va bene. Sostituito da

Milik: 6 di incoraggiamento. Abbiamo notato una cerca difficoltà nello smarcarsi in area, ma il ragazzo è talentuoso e siamo sicuri che darà il suo valido contributo.

Callejon: 6. Gioca bene e per poco non segna un goal spettacolare.

Salvatore Annona

 

CONDIVIDI
Articolo precedentePescara-Napoli: Oddo incontra Sarri
Articolo successivoSalerno, incidente sul Lungomare Trieste. Tre feriti
Nato a Napoli nel 1975 vi ho vissuto fino ad oggi, senza mai emigrare. Dopo il diploma di geometra, ho conseguito la Laurea in Ingegneria Civile nel 2005 con tesi in Ingegneria Sismica. Ho una splendida famiglia con moglie e due splendidi figli. Attualmente esercito la libera professione e sono membro della Commissione Manutenzione e Recupero degli Edifici Industriali presso L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli. Curioso sin dalla nascita, ho coltivato diverse passioni come la lettura e la grafica digitale. Amo immensamente la musica e lo sport (in particolare il calcio ed il tennis).

NESSUN COMMENTO