Emergenza terremoto: Napoli solidale con ‘Raccogliamo’

0
510
terremoto

L’Italia, nazione in cui, talvolta, vige una forte discriminazione regionale, dimostra in casi di necessità grande unione: infatti, dopo l’ultimo tragico evento che l’ha colpita — ossia il terremoto di magnitudo 6.0 che stanotte ha sconvolto l’area centrale della penisola— tutte le regioni hanno manifestato solidarietà nei confronti dei paesi coinvolti dal sisma, avviando veri e propri punti di raccolta.

Momentaneamente, a detta di Renzi, il bilancio delle vittime del terremoto sale a 120 morti e 286 feriti; tanti sono poi dispersi tra le macerie.

Dunque, una vera e propria apocalisse quella di stanotte, che ha provocato la distruzione di diverse città: le realtà più devastate restano quelle di Amatrice, Accumuli ed Arquata. Pertanto, per provare a lenire il dolore, tutt’Italia si dimostra coesa e dà il via ad operazioni di  beneficenza.

Napoli risponde presente. Ecco che allora nel weekend, cioè dal 25 al 27 agosto, presso il Centro Sociale Insurgencia, la Chiesa dei Padri Rogazionisti, la Sede della III Municipalità e il Comitato ‘Insieme per i Ponti Rossi’ si raccoglieranno: vestiario in tutte le sue taglie e modalità, quindi sia magliette, pantaloni,  che scarpe, cibo (preferibilmente in scatola e a lunga scadenza), detergenti e tutti i beni di prima necessità. Gli orari nei quali sarà possibile effettuare atti di beneficenza sono molto accessibili, in modo da poter favorire davvero tutti: i punti raccolta saranno infatti aperti tutta la giornata, dalle ore 10:00 alle ore 19:00.

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteTerremoto Centro Italia, appello a donare il sangue
Articolo successivoLe nuove sfide della lotta al terrorismo attraverso un’analisi del rapporto Europol 2016
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.

NESSUN COMMENTO