L’Associazione Volontari Italiani del Sangue in mattinata ha lanciato un appello per donare il sangue dopo il terremoto di stanotte nel centro Italia che ha colpito le province di Perugia e Rieti.

L’Avis provinciale ha di Rieti ha, infatti, pubblicato sul proprio profilo Facebook il seguente post: «A causa del terremoto avvenuto questa notte urge sangue, di tutti i gruppi sanguigni. Dalle 8 alle 11, all’ospedale ‘De Lellis’ di Rieti. Portate documento di identità e codice fiscale. Grazie a tutti.»

La Direzione Regionale Sanità del Lazio ha disposto l’apertura straordinaria dei centri trasfusionali di Roma e Rieti, per far fronte all’esigenza di sangue per l’evento sismico. Chi è in possesso dei requisiti per donare il sangue è invitato a recarsi in uno dei centri indicati sul sito www.salutelazio.it/salutelazio/donare-il-sangue che saranno aperti in via straordinaria, senza limiti di orario.

È stata disposta anche l’attenuazione delle attività chirurgiche non urgenti programmate per poter mettere a disposizione dell’emergenza le sale operatorie e le terapie intensive negli ospedali Dea di II e di I livello predisposti per l’attività di elisoccorso: Policlinico Umberto I, Policlinico Tor Vergata, Sant’Andrea, Policlinico Gemelli, San Filippo Neri, Sant’Eugenio, San Camillo di Roma.

Inoltre è stata richiesta disponibilità anche, in seconda battuta, agli ospedali Spaziani di Frosinone, Belcolle di Viterbo e il Santa Maria Goretti di Latina. Si sta predisponendo presso la Asl di Rieti un’équipe regionale di psichiatri e psicologi per garantire il supporto alle persone più fragili e agli anziani.

Anche la Fidas ha invitato i donatori delle Regioni coinvolte dallo sciame sismico – Lazio, Umbria, Abruzzo e Marche – a contattare i Servizi trasfusionali e Unità di raccolta e ha ricordato di programmare regolarmente le donazioni, in modo da evitare emergenze.

I donatori con gruppo sanguigno 0 con fattore negativo possono essere veramente preziosi in quanto possono donare indistintamente a tutti i gruppi sanguigni. Per chi volesse donare il sangue nei prossimi giorni è bene ricordare che al mattino è possibile effettuare la colazione secondo le normali abitudini, che il pranzo deve essere completato due ore prima dell’orario fissato per la donazione e non deve comprendere latticini, cibi elaborati, grassi, fritture, vino, birra, alcool, sostanze dolci e zuccherate.

Per maggiori informazioni: https://www.facebook.com/avisprovinciale.rieti/?fref=ts

Vincenzo Nicoletti

CONDIVIDI
Articolo precedenteTerremoto Centro Italia, di quale tipologia si tratta?
Articolo successivoEmergenza terremoto: Napoli solidale con ‘Raccogliamo’

Vincenzo Nicoletti nasce l’11 dicembre 1994 a Vallo della Lucania e si trasferisce con la famiglia a Brescia dove attualmente vive. Da sempre appassionato di lettura, viaggi, diritti umani e ambiente ha sviluppato una forte curiosità per il mondo che lo circonda nelle sue molteplici sfaccettature. Collabora con Libero Pensiero News come coordinatore della sezione Scienza.