Il bilancio delle vittime, considerando i dati ufficiali, al momento è di 63: 35 ad Amatrice, 11 ad Accumoli e 17 quelle trasportate all’ospedale di Ascoli Piceno.

Il numero potrebbe salire poiché sono molte le persone bloccate sotto le macerie. Nel frattempo, Cesare Spuri,capo della Protezione civile regionale delle Marche, ha dichiarato:

“Due le tendopoli che verranno allestite a Pescara e Arquata del Tronto, per accogliere gli sfollati del terremoto: la prima con una trentina di tende, la seconda con 15-20 tende”.

Gli uomini della colonna mobile della Protezione civile regionale stanno arrivando nell’Ascolano con tende, gruppi elettrogeni, cucine da campo e tutto il necessario per i senza tetto. Invece, altre persone senza casa, come a Montefortino, saranno sistemate in strutture fisse come palestre e scuole.

Mentre si continua a scavare sotto le macerie, le altre regioni d’Italia si stanno movimentando per raccogliere beni di prima necessità.

Il Consiglio Nazionale dei Geologi, attraverso Twitter, invita a togliere le password Wi-fii per agevolare la comunicazione via internet, sicuramente considerata più veloce.

NESSUN COMMENTO