Stop agli evasori: da settembre torna il biglietto a bordo

0
4074

Tolleranza zero per chi non paga i biglietti a bordo dei mezzi pubblici napoletani.
Da settembre infatti, dopo 20 anni sarà nuovamente possibile acquistare il biglietto a bordo dell’autobus. Da definire le modalità di pagamento e il personale che si presterà a svolgere tale servizio.
In queste settimane d’estate l’evasione è schizzata alle stelle con i controllori in ferie e i distributori di ticket chiusi.

Ogni anno l’ANM, infatti perde circa 25 milioni, soldi che potrebbero essere riutilizzati a potenziare il servizio mediante nuove assunzioni o all’ammodernamento dei mezzi stessi.
L’evasione registra il dato più alto sugli autobus: durante tutto l’anno sfiora il 40 per cento (sale al 60 per cento nelle zone periferiche), secondo la rilevazione fatta da Unico Campania. Con l’estate e l’assenza di controlli l’evasione aumenta. Si stima, ottimisticamente, tra il 5 e il 10 per cento in più, ma potrebbe essere anche molto più alta, a seconda delle zone. Insomma, i viaggiatori fuorilegge sono la metà di quelli che il bus trasporta.
Decisamente più bassa la percentuale di utenti fuorilegge su treni e metropolitane, oscilla tra il 5 e il 10 per cento. In questi giorni di ferie del personale, si segnalano però anche infrazioni ai tornelli della metropolitana. Un dato non quantificabile, ma ritenuto molto consistente. L’evasione media su tutto il trasporto pubblico regionale si attesta sul 20 per cento (dati Acam), il biglietto dovrebbe coprire il 35 per cento del costo del servizio invece si attesta sul 20. Una perdita per tutte le aziende di trasporto.

L’amministratore unico di ANM, Alberto Ramaglia dichiara: «Vogliamo togliere ai viaggiatori l’alibi del biglietto non trovato ci sono tante difficoltà, ma siano seriamente intenzionati a far partire la sperimentazione. Dovremo individuare le fasce orarie e le linee dove introdurre il nuovo sistema di pagamento e verificheremo anche la possibilità di allargarlo a linee periferiche e alle stazioni di metro e funicolari nei giorni di chiusura distributori ticket».

A settembre torneranno anche gli agenti a bordo degli autobus.

Pasquale De Laurentis
p.delaurentis@liberopensiero.eu

CONDIVIDI
Articolo precedenteRNA e nanotecnologie unite contro il melanoma
Articolo successivoGrande Milano, Movimento 5 Stelle chiede aiuto ai partiti
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO