De Magistris: “Grazie napoletani”

0
232
de magistris
de magistris

L’Italia intera si è stretta intorno alle città colpite dal terremoto. Tra la tanta solidarietà che si è diffusa in questi giorni, non mancano le azioni di sciacallaggio.  Un uomo di 45 anni, napoletano, è stato scoperto mentre tentava di forzare con un cacciavite la serratura di un’abitazione colpita dal terremoto. A parlare è De Magistris

I militari, trovandosi sul posto, sono riusciti a fermarlo. L’uomo pero’ ha opposto resistenza, ferendo con il cacciavite uno dei militari. Durante la perquisizione, i carabinieri hanno trovato un biglietto della ferrovia dello stato datato 24 agosto 2016. Si è ipotizzato che l’uomo si è recato a Rieti proprio con l’intento di far razzie all’interno delle abitazioni.

L’uomo è un pregiudicato, alle spalle ha precedenti penali per spaccio di sostanze stupefacenti e possesso di armi. Al momento è stato trasferito al carcere di Rieti.

Nel frattempo,  il sindaco Luigi De Magistris ha inviato disposizioni all’Avvocatura Municipale di istituire l’Amministrazione comunale come parte civile nel processo del napoletano arrestato. Il Comune di Napoli, quindi, prende le distanze da questa brutta storia.

Inoltre, il primo cittadino su facebook ringrazia il popolo napoletano: “Terremoto devastante: Napoli e i napoletani ancora una volta hanno mostrato grande cuore e generosità. Siamo tutti impegnati per stare vicino con i fatti alle persone che soffrono profondamente per questa immane tragedia. Il popolo italiano si è mobilitato. Grazie napoletani, sono fiero del nostro popolo dal cuore infinito!”

https://www.facebook.com/demagistrisluigi/?fref=ts

Maria Baldares 

CONDIVIDI
Articolo precedenteTerremoto, Ingegneri napoletani in campo
Articolo successivoProxima b: il nuovo pianeta del sistema solare
Frequento il secondo anno in Scienze della Comunicazione e sogno di diventare una giornalista a tutti gli effetti. Sono sempre stata decisa a voler intraprendere questo tipo di carriera e ciò che ha contribuito a far coltivare questa passione è stato il quartiere in cui sono nata e crescita. Vivo a Secondigliano, inutile dirvi le difficoltà e i problemi che purtroppo esistono e persistono ma allo stesso tempo ci sono tante persone che fanno di tutto per cambiare le cose, io sono una tra queste. Spesso si guarda solo il negativo delle cose tralasciando l'altra parte della medaglia, quella positiva.

NESSUN COMMENTO