Fantabreak: quando il gioco dell’allenatore è benefico

0
165
Fantabreak

Cari fan di Fantabreak, salve a tutti. In questa puntata vi parleremo di un dato significativo per il fantacalcio, cioè dell’importanza di un determinato allenatore per i suoi giocatori.

L’allenatore in questione è Mister 33, Maurizio Sarri, che dopo aver incantato l’Italia con il magnifico gioco del suo Empoli, sbarcò nella sua amata e tifata Napoli. Trovandosi una squadra di campioni adatta al suo gioco offensivo, cioè quello che premia la prima punta. Non a caso l’ex prima punta titolare del Napoli è colui che detiene il record di gol in Serie A in una stagione, ovvero Gonzalo Higuain. Ma qui parliamo di campioni e ci sta tutta, ma i dati fondamentale per rafforzare questa tesi arrivano dal datato Maccarone ai tempi dell’Empoli dove con Sarri arrivò a segnare ben dieci gol e viaggiare su mediavoto del 6,17 e fantamediavoto del 7,16. Ma comunque il Big Mac potrebbe anch’egli non far testo grazie alla sua grande esperienza in Serie A. Ma la vera conferma della nostra ipotesi c’è Arkadiusz Milik, arrivato tra tanti scettici riguardo il suo sostituire la prima punta a Napoli dopo Higuain e raccogliere la sua pesante eredità  che al debutto al San Paolo in Napoli – Milan ha rifilato una doppietta ai rossoneri, confermando quanto il gioco di Sarri, sia utile alla prima punta sia in ottica squadra che fantasquadra. Beh forse il vero Fantabreak della Serie A è proprio Maurizio Sarri, che con il suo gioco avvolgente regala tanti bonus. Con quest’ultima osservazione vi saluto, vi do appuntamento per i prossimi consigli e soprattutto buon Fantabreak a tutti.

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteNapoli, esordio casalingo con poker
Articolo successivoQuando lasci le chiavi a tuo figlio Verstappen
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.

NESSUN COMMENTO