Earthquake Network, un’app per prevenire i terremoti

0
849

Gli ultimi tragici eventi accaduti in Italia hanno sensibilizzato non solo l’intera nazione, ma anche tutto il globo. Molte le azioni benefiche a favore dei terremotati, ma in questi casi, come recita un detto antico potrebbe essere più utile ”prevenire anzichè curare”. Ecco un App che potrebbe rilevarsi molto utile.

Nel gennaio 2013 é nato un progetto di ricerca chiamato Earthquake Network basato sulle reti degli smartphone che ha coinvolto piú di 120’000 persone al mondo  rilevando piú di 200 e passa terremoti reali. L’autore e sviluppatore della ricerca è Francesco Finazzi dell’Università di Bergamo.

La base del progetto riguarda l’utilizzo dell’accelerometro smartphone di bordo e compresse per rilevare in tempo reale lo scuotimento che crea il terremoto. I falsi allarmi sono, ahimè, sempre dietro l’angolo e pertanto si è pensato di estendere la rete col fine di migliorare l’app affinché si riscontrino più certezze.

Earthquake Network potrebbe tornare molto utile a chi vive in zone limitrofe all’epicentro, dato che una volte rilevata la scossa viene inviato un messaggio a tutti gli utenti connessi. In questo modo è possibile prendere in anticipo le giuste misure per mettersi in salvo.

L’applicazione appartiene al circuito Android e visti gli ultimi avvenimenti ne consigliamo l’installazione poiché nell’intera rete vengono emesse notifiche in tempo reale riguardo lo sviluppo del terremoto.

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteStatistica: Attacco del Napoli supera le previsioni
Articolo successivoSalerno, mamma e figlia salvate con intervento unico al mondo
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.

NESSUN COMMENTO