La legge 107 continua a scatenare tantissime proteste. Nonostante il caldo torrido di queste settimane di agosto, gli scontenti non si sono affatto scoraggiati. Dopo i sit in, le proteste di agosto, i ricorsi e le attese, nella giornata di ieri, docenti trasferiti, docenti non trasferiti, precari, partecipanti al concorso, studenti, genitori, neoimmessi in ruolo e neolaureati si sono incontrati presso l’ex Asilo Filangieri per elaborare nuove strategie.

Due i nodi essenziali: la mobilità e la chiamata diretta, mentre il contratto per i neoassunti è triennale. Dopo ritornerà la mobilità.
In Campania sono oltre 800 le cattedre ancora scoperte. Proprio qualche settimana fa, il Governo per bocca del sottosegretario al Ministero dell’istruzione, Davide Faraone ha riconosciuto che al sud esiste un trattamento diverso, in relazione alle cattedre da servire. Gli organici restano di fatto, nonostante le rassicurazioni di Renzi, poiché non ci sono potenziamenti e le classi continuano ad essere accorpate con 35 alunni.
L’assemblea ha sottolineato, a più riprese come le 530 firme prese per chiedere un Referendum abrogativo contro al 107 siano state effettivamente poche. Tuttavia il Referendum Costituzionale di ottobre/novembre offre una grande sponda per provare a compattare nuovamente il fronte contro legge. Del resto esiste anche una sentenza che condanna inesorabilmente la mobilità.

Tra le iniziative previste a stretto giro, il 9 settembre probabilmente sarà organizzata una grande mobilitazione davanti alla Cassazione per il lancio della campagna referendaria per il no. Il popolo dei dissidenti ha poi ribadito l’assoluta necessità di lanciare un segnale forte il I giorno di scuola, negli istituti centrali d’Italia. Allo studio un blocco simbolico mattutino prima dell’ingresso delle lezioni, mediante volantinaggio e speakeraggio.
Per gli studenti invece, recentemente il Ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini ha parlato del nuovo esame di Maturità, dell’alternanza scuola-lavoro e della nuova Carta dei diritti e dei doveri degli studenti.
Da settembre 2016 infatti, l’alternanza scuola-lavoro diventa obbligatoria per chi frequenta una terza classe e il preside dovrà inserirla nel Pof.

Pasquale De Laurentis
p.delaurentis@liberopensiero.eu

CONDIVIDI
Articolo precedenteTv, sta per arrivare Roar – Giorno X da Leone
Articolo successivoTerremoto: manca il coordinamento per i fondi raccolti
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II