“Noi vogliamo allenarci, privato o comune”

0
186

In passato intervistammo il Concessionario Presidente dell’Associazione Collana Salvatore Forino, che dopo averci spiegato il progetto, ci ha fatto azzardare l’idea di nutrire ambizioni olimpiche, grazie alla bravura di chi partecipa al progetto sia come allenatore che come atleta. Peccato che le ambizioni non comportino danaro, quindi i tanti costi per il mantenimento di un impianto come il Collana diventano una spesa insormontabile, dato che la struttura necessita di una ristrutturazione, sperando sempre in veri appoggi economici da parte del comune.

Ci siamo anche noi!“, spingono i ragazzi e gli allenatori a continuare negli allenamenti presso strutture di dominio ed accesso pubblico, come il Bosco di Capodimonte ed il Campo Virgiliano Posillipo, tanto da contare ben quattro partecipanti ad i prossimi Campionati italiani cadetti della FIDAL in Trentino ad Ottobre, nelle discipline come 80 ostacoli, 1200 siepi, salto in alto e lancio del peso. Rispettivamente con  Tiziana Esposito, Roberta Cammarata, Francesca Messina e Viviana Esposito. La speranza, oltre il tornare medagliati dalla manifestazione, è soprattutto quella di tornare tra le mura amiche dell’impianto Collana, non importa se da privati o statali. I ragazzi, oltre a voler far sentire la propria presenza, dicono a gran voce: “Noi vogliamo allenarci, privato o comune che sia“. C’è tanto da far e dover riflettere. Non si possono infrangere i sogni di ragazzi volenterosi.

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteBiblioteca Nazionale, in mostra i manoscritti di Dante e Leopardi
Articolo successivoDe Magistris: “Napoli è pronta per le Olimpiadi 2028”
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.

NESSUN COMMENTO