ExOpg Je so’ pazzo: Presidio per Alp Altınörs

0
155
exopg je so' pazzo

ARRESTATO IL VICEPRESIDENTE DELL’HDP (PARTITO TURCO). DOVEVA PRESENZIARE AL FESTIVAL dell’ ExOpg JE SO’ PAZZO.

La sera dell’8 settembre, in Turchia, è stato arrestato Alp Altınörs, vicepresidente del Partito Democratico del Popolo, formazione curda-turca di sinistra (che alle ultime elezioni, nonostante brogli e violenze del regime di Erdogan, ha superato il 10% e rappresenta oggi la sola opposizione in Turchia).

Gli viene contestata la partecipazione ai funerali delle vittime dell’attentato di Ankara dell’8 ottobre 2015,in cui morirono 86 persone per una bomba scoppiata a una manifestazione per la pace.

Ciò che è più inquietante è la tempistica dell’arresto: domani infatti Alp sarebbe dovuto partire con l’aereo da Ankara partecipare a Napoli, come relatore al festival “Je so’ pazzo”, all’assemblea “Costruiamo il potere popolare” insieme al sindaco Luigi de Magistris, alla rappresentante NO TAV Nicoletta Dosio, a dirigenti politici greci e a centinaia di altri militanti della sinistra di base in Italia.

Le modalità dell’arresto, la vaghezza delle accuse, spingono molti a pensare che si tratti di un arresto a orologeria: il regime di Erdogan ha voluto impedire che Alp venisse nel nostro Paese a incontrare il Sindaco della terza città d’Italia, a denunciare pubblicamente cosa è diventata oggi la Turchia e a stimolare il movimento di solidarietà con il popolo curdo e con i turchi oppressi dal regime.

Un atto gravissimo che dimostra quando l’HDP e la solidarietà internazionalista possano fare paura ai governi. Ormai la maschera del regime di Erdogan è caduta, solo il governo Renzi e i burocrati dell’UE possono continuare a fare affari con questo dittatore.

Sabato 10 settembre, alle ore 15, ci sarà un presidio fuori la Prefettura per denunciare l’accaduto, per chiedere la liberazione immediata di Alp Altınörs, per chiedere che il nostro Governo ritiri ogni supporto e rompa le relazioni diplomatiche e commerciali con la Turchia.

[evento facebook presidio]

NESSUN COMMENTO