Emergency tra e vic e vicariell della Napoli solidale

0
629
emergency

È una lotta costante contro le barbarie della guerra quella dei volontari Emergency che, ogni giorno, scendono in campo per offrire ai più poveri e alle vittime innocenti di inutili stragi la possibilità di curarsi e l’inderogabile diritto alla vita.

Il gruppo Emergency di Napoli si dimostra particolarmente attivo sul territorio, avviando progetti in grado di far viaggiare sulla stessa lunghezza d’onda amore per il prossimo e amore per la propria città. È infatti in programma per Sabato 24 Settembre un’interessante visita guidata, grazie alla quale si potrà conoscere più a fondo il centro storico napoletano, senza dimenticare l’importanza di far beneficenza, giovando alla salute dell’altro.

emergency‘T’accumpagno vico vico’: sarà questo il titolo del percorso, chiaramente ispirato ad una delle canzoni che meglio rappresenta Napoli ‘A città ‘e Pulecenella’, titolo che risuona come un invito caloroso ad accettare un’occasione di condivisione umana e culturale. A proposito dell’iniziativa abbiamo parlato con una delle volontarie Emergency, Ivana Zingone, la quale ci ha gentilmente illuminato sulla visita e sui progetti futuri dell’Associazione, rispondendo alle nostre domande.

Innanzitutto, ci dica qualcosa in più sul percorso…

Sarà una visita guidata nel cuore dell’antica Neapolis, il nostro meraviglioso centro storico. Passeggiando tra i decumani greci ne scopriremo la bellezza; fil rouge di questo itinerario sarà “la guerra e le sue conseguenze”, per riscoprire la nostra memoria storica e gettare le basi per il nostro futuro. Al termine della visita sarà offerto un aperitivo presso lo stand Emergency in Piazza San Domenico. In questo modo, i nostri sostenitori potranno essere informarti sulle prossime iniziative in città e sui prossimi progetti Emergency dai volontari presenti del Gruppo di Napoli. Tutti i proventi della visita saranno interamente devoluti al  nostro centro chirurgico di Kabul, per le vittime di guerra.

Cultura e beneficenza, un binomio significativo e da voi costantemente esaltato. Quanto è importante ‘far cultura’ per la vostra attività di volontariato?

Siamo fermamente convinti che la diffusione di una cultura di pace sia l’unico strumento realmente efficace per abolire definitivamente la guerra, un processo che ha sempre dimostrato di non funzionare e di causare solo morte e distruzione. È proprio per questo motivo che su invito di insegnanti e studenti, Emergency, a titolo totalmente gratuito, interviene nelle classi con progetti differenziati per fasce di età per affrontare insieme ai ragazzi delle tematiche tristemente attuali.

Può svelarci quali sono i progetti che avete in cantiere per i prossimi mesi?

Quest’anno il gruppo Emergency di Napoli compie cinque anni e noi volontari, proprio in queste ore, stiamo lavorando per preparare una grande festa che speriamo possa coinvolgere tutti coloro che sin dall’inizio hanno creduto in questo progetto. A dicembre verrà aperto il nostro “spazio di natale” dove sarà possibile conoscere meglio la nostra associazione e sostenerla acquistando dei regali “solidali”. Questi sono solo due degli appuntamenti di quest’ultima fase dell’anno. Inoltre, a disposizione di tutti, sono attivi una pagina Facebook  e un profilo  Instagram (emergency_napoli) per restare sempre aggiornati.

E allora non ci resta che aspettare il 24 Settembre per farci accompagnare tra e vic e vicariell di una città che ha sempre dimostrato di essere solidale e di avere un cuore grande.

Anna Gilda Scafaro

CONDIVIDI
Articolo precedenteDi Canio sospeso da Sky a causa del tatuaggio fascista
Articolo successivoChampions: stecca la Juventus, vincono le altre big
Laureata in Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II, Anna Gilda Scafaro aspira a diventare una buona insegnante e una valida giornalista. Appassionata di scrittura e amante dei libri, nutre un forte interesse per l’Arte in tutte le sue sfaccettature più belle e complicate. Sogna di visitare i più rinomati musei europei e mondiali e di viaggiare alla scoperta delle storie più arcane e affascinanti che si celano nel cuore delle grandi e piccole città. Attualmente scrive per Libero Pensiero News, occupandosi della sezione Cultura.

NESSUN COMMENTO