Chiaiano: l’urlo dei 1000 antidiscarica. In piazza De Magistris

0
397

Dopo la partecipata assemblea pubblica della scorsa settimana, da Chiaiano riparte la mobilitazione  dei cittadini contro l’ipotesi nuova discarica nell’area nord.
In piazza i comitati, i movimenti e le associazioni che si oppongono alla costruzione di questo nuovo impianto.
Egidio Giordano della Rete Commons dice: «Oggi diciamo al Presidente De Luca che la discarica non la farà mai. A Chiaiano e negli altri territori non verranno. Andremo avanti con le mobilitazioni perché le alternative alla costruzione delle discariche esistono e soprattutto i soldi ci sono».

Presente al corteo anche il sindaco di Napoli e della Città metropolitana, Luigi De Magistris: «La mia posizione netta è contro la costruzione della discarica e delle cave. Vorremmo discutere seriamente per la riqualificazione di questi territori che purtroppo hanno già pesantemente subito in passato. Il quadro non è rassicurante»
De Magistris ha poi aggiunto che dai 92 comuni dell’area metropolitana di Napoli è arrivata una “netta opposizione a inceneritori e discariche”.
Insieme al sindaco erano presenti diversi esponenti del consiglio comunale, tra cui Salvatore Pace, Mario Coppeto, Pietro Rinaldi, Luigi Felaco e l’Assessore, Alessandra Clemente.
«Sono al fianco dei tanti attivisti che da anni si impegnano affinché il territorio tra Chiaiano e Marano venga presto bonificato – ha dichiarato Clemente -per tutelare la salute dei cittadini che vivono in quell’area».

Tantissimi cori contro il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca e il suo vice, Fulvio Bonavitacola. Tuttavia c’è da dire che De Luca, dopo l’annuncio ad inizio agosto della sua intenzione di costruire una nuova discarica a Chiaiano, nei giorni scorsi ha fatto dietrofront annunciando di non voler costruire la discarica.
A questo punto i manifestanti si augurano che De Luca mantenga realmente la ”promessa” di non costruire la discarica.
Il corteo ha percorso il quartiere Chiaiano, a Napoli e si concluso alla Rotonda Titanic.

Pasquale De Laurentis
p.delaurentis@liberopensiero.eu

CONDIVIDI
Articolo precedenteNapoli, apre la seconda libreria Colonnese
Articolo successivoNapoli attento al “lupo” Donadoni
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO