Napoli attento al “lupo” Donadoni

Stasera al San Paolo si sfidano Napoli e Bologna. Turn over per la formazione partenopea. I rossoblù di Donadoni vogliono continuare a stupire

0
281
Donadoni
Donadoni

“Sognare la vetta”, ecco cosa significa questa partita per Napoli e Bologna, anticipo delle 20,45 della serie A. Il Napoli, galvanizzato dalla vittoria in Champions League con la Dinamo Kiev, vincendo raggiungerebbe quota 10 punti, scavalcando almeno per una notte la Juventus capolista. Il Bologna di Donadoni vuole fare una buona prestazione non solo per dare continuità  al proprio gioco, ma, soprattutto, per ottenere 3 punti pesantissimi in chiave salvezza ,agganciando inoltre la vecchia signora. Donadoni torna al San Paolo, con tanta voglia di riscatto su De Laurentiis che nell’Ottobre di 7 anni fa lo esonerò dopo un pessimo avvio in campionato, con 7 punti in 7 partite.

Qui Napoli: Il Napoli giunge molto entusiasta a questo match, consapevole, però, di dover migliorare sotto alcuni aspetti: la difesa, la gestione, la tenuta fisica. La difesa è apparsa troppo lenta e disattenta in alcune circostanze. 5 gol subiti in 3 partite sono numeri che parlano da soli e che di certo non fanno onore a quello che, la passata stagione, è stato uno dei punti di forza della banda Sarri.  A Kiev sono emersi anche altri due problemi come quello della tenuta fisica (che col tempo crescerà) e soprattutto quello della gestione della palla. Troppi passaggi sbagliati, anche quelli in orizzontale, marchio di fabbrica del 4-3-2-1 sarriano. Col Bologna, squadra che fa del pressing e del contropiede alcune delle sue armi vincenti, servirà fare molta attenzione. Il Napoli dovrà continuare a produrre gioco e azioni, perché, per stessa ammissione del tecnico, la squadra quando prova a gestire va in difficoltà. Lo si è visto a Kiev, lo si è visto a sprazzi con il Milan, quando l’incubo di un possibile ribaltone non si concretizzò grazie alla doppietta di Callejon.

Josè Maria Callejon, quel giocatore straordinariamente duttile che a suon di gol e prestazioni (4 gol nelle prime 3 partite di campionato) si sta rivelando l’arma in più di questa squadra e che con ogni probabilità stasera scenderà in campo. Contro il Bologna il posto assicurato ce l’hanno solo lui e Reina,  tutti gli altri sono praticamente in discussione. Mertens e Milik, nonostante la splendida forma, dovrebbero lasciare spazio ad un Insigne rigenerato e ad un Gabbiadini, apparso molto motivato negli spezzoni di partita con Palermo e Dinamo. A centrocampo la concorrenza di Zielinsky e Diawara pronti ad insidiare Hamsik , Allan e Jorginho. Proprio il calciatore polacco ha così parlato ai microfoni di Radio Kiss Kiss  riguardo il match di stasera :“A Kiev non era facile perché la Dinamo è forte e perché giocare fuori casa in Europa è sempre difficile […]Il mister ha ragione  a farci concentrare sulla prossima sfida di campionato. Adesso arriva il Bologna  che sarà difficile. Loro stanno facendo molto bene e hanno calciatori interessanti e molto forti. Però vogliamo vincere”.

57c214457c2024_64923084

Qui Bologna:  Il Bologna viene da 6 punti in 3 gare  e per il Napoli, dunque, non sarà facile. Il Bologna di Donadoni è una squadra che corre e crea e che ha tutte le carte in regola per mettere in difficoltà la compagine  partenopea. L’ultima partita ha evidenziato, inoltre, le qualità di due giocatori magnifici come Verdi e Di Francesco, entrambi in gol contro il Cagliari, sui quali il club rossoblù punta molto per fare un buon risultato stasera, complice anche l’assenza della punta di diamante Mattia Destro.  La velocità dei due gioielli rossobù potrebbe apportare  difficoltà in contropiede, visti i pochi spazi che il Napoli concederà probabilmente al Bologna. A Napoli si giunge, però, senza alcun timore referenziale e con tanta voglia di far bene, vista anche l’ultima pessima prestazione offerta contro la squadra azzurra, che vinse 6-0.  A parlare ci ha pensato proprio Donadoni in conferenza stampa, presentando la sfida del San Paolo :” E’ chiaro che il Napoli è una delle tre squadre più forti del campionato e non sarà assolutamente facile. Però  è bello misurarsi contro queste realtà, cercando di andare lì e metterci tutto quello che si ha. Serve una prestazione buona non solo da un punto di vista tecnico ma soprattutto mentale. Sono partite come queste che ci fanno crescere. Il Napoi ha perso qualche interprete  ma ha lo stesso una rosa di grande valore[…] Non possiamo giungere lì pensando di doverci difendere solamente. Tuttavia il Napoli di norma concede poco e dunque dovremo essere cinici a sfruttare le occasioni che avremo per metterlo in difficolà.”  Su Floccari: “Si allena col gruppo da giorni, la condizione non è ancora ottimale però sta crescendo, abbiamo bisogno di lui”.  In conclusione commento sulla sua esperienza napoletana :” Non è stata un rimpianto , ma anzi uno step. Sono ancora molto legato alla città. Quell’esperienza voglio tenerla ben impressa nella mente perché mi ha aiutato tantissimo a crescere”

Fonte Immagine in evidenza: http://www.sscnapoli.it/static/gallery/10092016-Palermo-Napoli-0-3-436.aspx

Giovanni Ruoppo

NESSUN COMMENTO